Süddeutsche Zeitung del 1 settembre 2009.

Le vittime di Beslan si rivolgono all'Europa

Pubblicato il 1 Settembre 2009 alle 12:46
Süddeutsche Zeitung del 1 settembre 2009.

Cover

"Cinque anni dopo la strage di Beslan, le famiglie delle vittime aspettano ancora l'aiuto promesso dallo stato", scrive la Süddeutsche Zeitung. Il 1 settembre 2004 decine di guerriglieri ceceni e ingusci avevano preso in ostaggio 1128 bambini e i loro professori nella cittadina dell'Ossezia del nord. Due giorni dopo le forze di sicurezza russe avevano assaltato l'edificio. Nell'attacco avevano perso la vita 330 persone, tra cui 186 bambini. Da allora, "tutta la città è depressa" e i sopravvissuti sono handicappati o traumatizzati, testimonia uno dei responsabili dell'associazione Voce di Beslan. Il premier Vladimir Putin ha incontrato i suoi rappresentanti subito dopo la tragedia, "ma poi niente è cambiato". Duecento dossier sulle vittime e le loro famiglie aspettano di essere esaminati dalla Corte europea per i diritti dell'uomo (Cedu) di Strasburgo, perché i cittadini non hanno più fiducia nella giustizia russa. Uno solo dei responsabili è stato condannato, e tre membri della polizia locale ritenuti colpevoli di non aver agito prontamente dopo essere stati avvisati dell'arrivo dei terroristi sono stati liberati senza spiegazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento