Commercio delle armi

Londra e Bruxelles divisi sull’embargo alla Cina

Pubblicato su 12 Gennaio 2011 alle 12:47

Cover

“Gran Bretagna e Ue si scontrano sulla vendita di armi alla Cina”, titola il Times, nel terzo giorno della visita nel Regno Unito del vice primo ministro cinese Li Keqiang. Nonostante Catherine Ashton, capo della diplomazia dell’Unione europea, abbia raccomandato una riforma dell’embargosulla vendita di armi alla Cina, Londra continua a opporsi con decisione, sostenendo che “gli scarsi progressi mostrati da Pechino in tema di diritti imani e libertà politica dimostrano che i tempi non sono maturi per fare marcia indietro sul blocco imposto dopo il massacro di piazza Tiananmen”. Lady Ashton, spalleggiata da Francia e Spagna, ha precisato che “le restrizioni politiche sull’esportazione di armi sono diventate un grosso freno alla futura cooperazione tra i paesi europei e la Cina, specialmente nel campo della sicurezza”. In ogni modo, durante la visita al numero 10 di Downing street, Li Keqiang, indicato come il possibile futuro leader cinese, “si è ben guardato dal chiedere la fine dell’embargo”, precisa il quotidiano londinese.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento