Rassegna Europolis

Passi avanti per la libertà e il diritto all’informazione in Europa – era ora

Le ultime settimane sono state, se non entusiasmanti, almeno positive per la libertà di stampa in Europa: l'adozione a livello europeo di due misure molto discusse definirà i nuovi contorni per gli anni a venire, in un contesto economico, sociale e politico piuttosto cupo.

Pubblicato il 19 Dicembre 2023 alle 16:11

Qualche giorno fa eravamo seduti a tavola a parlare di diverse professioni. Mia figlia adolescente mi ha detto, un po' sconfortata: "Papà, tu sei intelligente, sai un sacco di cose... e fai il giornalista". Sorpreso e avvilito, ho ripreso il solito ritornello sull'importanza del giornalismo per la democrazia e perché consente tra l’altro ai cittadini di fare scelte responsabili e informate… ma non sono riuscito a convincerla. Certo, è un'adolescente e il suo coinvolgimento nella società è ancora agli inizi, ma la sua osservazione mi ha fatto riflettere nuovamente sulla percezione che i giovani – e i meno giovani – hanno del giornalismo e del suo ruolo chiave.

E anche su quel che la premio Nobel per la pace Oleksandra Matvijčuk ha detto di recente durante un discorso ai premi per la libertà di stampa di Reporters Sans Frontières (RSF), ripreso e tradotto da Voxeurop: "Molte persone, anche nelle democrazie sviluppate, non si rendono conto dell'importanza della libertà di stampa". 

Questa tendenza è confermata dagli ultimi rapporti di RSF, che denunciano una "erosione" della libertà di stampa in Europa, con grandi disparità tra i paesi, soprattutto a causa di violenze e misure liberticide contro i giornalisti volte a ostacolarne l'attività.

Questo si riflette nell'atteggiamento di un'opinione pubblica polarizzata (anche se non così polarizzata come si potrebbe temere, osserva Caroline de Gruyter su EUobserver), che in parte ha manifestato un'ostilità senza precedenti durante la pandemia di Covid-19. Equiparati alle élite vituperate dai populisti, anche i media sono tra i bersagli preferiti degli autocrati. I giornalisti investigativi, da parte loro, sono soggetti a procedure SLAPP (Strategic lawsuit against public participation, delle categorie di liti temerarie) volte a intimidirli, come spiegano gli avvocati Francesca Carrington e Justin Borg-Barthet in The Conversation.

Ultima delle istituzioni internazionali, sulle orme del Consiglio d'Europa (di cui è una delle missioni), l'Ue è impegnata da diversi anni nella difesa della libertà di stampa. Lo fa attraverso programmi di sostegno finanziario a progetti giornalistici (come lo European Data Journalism Network, di cui Voxeurop è parte) e di regolamentazione del settore. Dobbiamo a essa una proposta di Direttiva contro le SLAPP e, più recentemente, il Media Freedom Act (MFA), concepito per rafforzare l'indipendenza editoriale dei mezzi d’informazione, evitare interferenze politiche ed economiche e limitare i rischi derivanti dalla concentrazione delle testate in poche mani.

Se da un lato queste due misure hanno il merito di offrire una protezione aggiuntiva ai giornalisti e alla libertà di stampa, dall'altro soffrono dei difetti tipici dei compromessi frutto di lunghi negoziati tra le istituzioni dell'Ue e gli stati membri. Ad esempio, la versione della direttiva anti-SLAPP approvata alla fine di novembre 2023 è considerata "notevolmente annacquata" e "manca l'obiettivo iniziale: proteggere i giornalisti e il diritto all'informazione nell'U", secondo diverse organizzazioni europee che difendono i giornalisti.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Per quanto riguarda il MFA, il 15 dicembre gli stati membri e il parlamento europeo hanno raggiunto un accordo sul testo finale. Considerato "promettente" da RSF, è il risultato di un lungo braccio di ferro in cui le organizzazioni per la libertà di stampa hanno avuto un ruolo chiave, di fronte a governi riluttanti a rinunciare alle loro prerogative. Le rivelazioni di Disclose, Investigate Europe e Follow the Money sulla volontà di diversi paesi, tra cui Francia, Ungheria, Italia, Finlandia, Grecia, Cipro, Malta e Svezia, di "silurare" l'MFA "facendo attivamente campagna per autorizzare la sorveglianza dei giornalisti, in nome della 'sicurezza nazionale'", non sono probabilmente una coincidenza, a conferma dell'utilità del giornalismo d'inchiesta.


Sullo stesso argomento

L’85% delle persone è preoccupato dalla disinformazione online, secondo un sondaggio

Jon Henley | The Guardian | 7 novembre | EN

"Secondo un sondaggio internazionale, oltre l'85 per cento delle persone è preoccupato per l'impatto della disinformazione online e l'87 per cento ritiene che abbia già danneggiato la politica del proprio paese. La disinformazione riguarda diversi settori, tra cui la politica, la salute e le notizie in generale, sollevando timori sulla sua capacità di manipolare le opinioni e influenzare le decisioni individuali, scrive Jon Henley, che osserva come i partecipanti al sondaggio esprimano la necessità di un'azione più incisiva per contrastare questa tendenza, chiedendo una maggiore responsabilità da parte delle aziende tecnologiche, dei media e dei governi per regolare e filtrare la disinformazione.

Da Bolloré a Kretínský, la straordinaria influenza dei grandi capitalisti frances

Hervé Nathan | Alternatives Economiques | 20 novembre | FR

Magnati come Vincent Bolloré e Daniel Kretínský stanno acquisendo potere crescente in settori economici che vanno dall'industria alla stampa che sta influenzando il panorama mediatico e politico in Francia e non solo. Vincent Bolloré, ad esempio, controlla un vasto impero mediatico attraverso Vivendi, influenzando i media francesi e internazionali. Allo stesso modo, Daniel Kretínský ha recentemente esteso la sua influenza investendo in diversi settori economici e mediatici in Francia.

La nuova legge sulla "protezione della sovranità" non deve intimidire i media indipendenti

VSquare | 13 dicembre | EN

Sebbene la legge sulla "protezione della sovranità" recentemente adottata in Ungheria non regoli espressamente l'attività delle società di media, è probabile che limiti notevolmente la libertà di stampa, rendendo potenzialmente difficile, se non impossibile, il lavoro di redattori, giornalisti e società di media indipendenti - denunciano diversi media ungheresi in questa dichiarazione congiunta.

L'UNESCO pubblica le linee guida sulla regolamentazione dei social network 

Zeynep Yirmibeşoğlu | Netzpolitik | 29 novembre | DE

L'organizzazione mondiale parla di "crisi dell'informazione" e vuole porvi rimedio con linee guida sulla governance delle piattaforme digitali. Dopo un lungo processo di consultazione che ha coinvolto più di 10mila contributi da 134 paesi, ha pubblicato sette principi, tra cui l'obbligo di rispettare scrupolosamente la Carta internazionale dei diritti umani e di verificarne regolarmente l'osservanza; l'istituzione di autorità di regolamentazione indipendenti e trasparenti che dovrebbero cooperare strettamente tra loro; la moderazione dei contenuti in tutte le regioni e in tutte le lingue; la trasparenza degli algoritmi; l'adozione di misure di protezione rafforzate in periodi sensibili come elezioni e crisi.

In collaborazione con Display Europe, cofinanziato dall'Unione europea. I punti di vista e le opinioni espressi sono esclusivamente quelli dell'autore o degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Ue o della Direzione Generale per le Reti di Comunicazione, i Contenuti e la Tecnologia. Né l'Unione europea né l'autorità che ha concesso il finanziamento possono essere ritenute responsabili.
ECF, Display Europe, European Union

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento