Prima la prigione, poi l'asilo

Pubblicato il 12 Gennaio 2010 alle 14:56
Die Presse, 12 gennaio 2010

Cover

In mancanza di siti per i nuovi centri di accoglienza, i richiedenti asilo saranno costretti a rimanere nei centri di detenzione fino a quando le autorità austriache avranno preso una decisione. Di fronte alle proteste della popolazione e al rifiuto dei comuni di ospitare il centro previsto da mesi, riferisce Die Presse, la ministra degli interni conservatrice Maria Fekter ha proposto una "presenza obbligatoria" nei centri non appena viene presentata richiesta di asilo. Questa restrizione non costituisce né "un internamento" né una "reclusione", sostiene la "dama di ferro" austriaca. Ma il quotidiano viennese osserva che un "imprigionamento" di 28 giorni (il periodo previsto per decidere sulla competenza) potrebbe essere contrario alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento