“Reintrodurre l’educazione sessuale nelle scuole”

Pubblicato il 24 Maggio 2013 alle 09:22

Cover

Il Consiglio nazionale per l’istruzione si oppone alla Corte costituzionale, che il 22 maggio ha deciso di sospendere i corsi di educazione sessuale nelle scuole primarie e secondarie per un “vizio di forma”.
Secondo la Corte il governo avrebbe dovuto consultare le associazioni dei genitori prima di introdurre i corsi nel programma scolastico, mentre secondo il Consiglio non spetta ai genitori decidere il contenuto dei programmi, e lo stato deve difendere i valori superando gli interessi personali.
Jutarnji List sottolinea che la Corte ha esaminato il ricorso delle associazioni di genitori vicine alla Chiesta cattolica con insolita rapidità, e spiega l’accaduto con “l’ondata conservatrice” sostenuta dalla chiesa.
Le associazioni cattoliche chiedono un referendum per inserire nella Costituzione una definizione del matrimonio come unione tra un uomo e una donna, e hanno già raccolto 400mila firme.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento