Vignetta Trent'anni di indipendenza dell'Ucraina

A pezzi

Pubblicato il 1 Settembre 2021 alle 09:00

Il 24 agosto, l'Ucraina ha celebrato in pompa magna i suoi trent'anni di indipendenza dall'ex Urss. Dopo la dissoluzione di quest'ultima nel 1991, anche le altre ex repubbliche sovietiche d'Europa (Bielorussia, Moldavia, Lituania, Lettonia ed Estonia) hanno ritrovato l'indipendenza. Mentre i Paesi baltici fanno ora parte della Nato e dell'Ue, gli altri paesi subiscono ancora l'influenza più o meno forte della Russia.

Oggi presieduta da Volodymyr Zelensky, l'Ucraina si trova preda di un conflitto nella zona orientale (di lingua russa), dove i separatisti sostenuti dalla Russia fronteggiano la fazione leale a Kiev. Dal 2014 a oggi, il conflitto ucraino ha causato più di 13mila morti, impedendo ogni riavvicinamento con la Nato (nonostante  questo fosse una priorità per Zelensky) o con l'Ue.

Un sondaggio del dicembre 2019 (ripreso da OpenDemocracy) ha rivelato che un cittadino ucraino su cinque considera che la dittatura fosse meglio della democrazia, mentre un terzo della popolazione non vede alcuna differenza tra le due.


Iscriviti alla newsletter di Voxeurop in italiano


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento