Un referendum sulla moneta unica

Pubblicato il 10 Maggio 2011 alle 14:09

Le previsioni degli economisti statunitensi sono sul punto di avverarsi: l'euro divide più di quanto unisca i cittadini europei, constata la Zeit. "Il nord non vuole più fare da cassiere, il sud vuole sbarazzarsi dei suoi precettori. Per il contribuente tedesco le sue tasse finanziano il protagonismo degli irlandesi. Per il risparmiatore irlandese i suoi risparmi salvano le banche tedesche". I partiti euroscettici e nazionalisti hanno il vento in poppa, così come le altre cassandre della crisi. "La storia non è un processo lineare", sottolinea il settimanale di Amburgo, "e l'Europa può sfaldarsi nello stesso modo in cui si è unita se non mettiamo fine a questo progetto elitario senza partecipazione da parte dei cittadini e se non cominciamo a discutere in modo democratico".

"Con le loro manovre incapaci le forze politiche hanno perso molta credibilità. Forse non resta che un referendum europeo sul futuro dell'euro. Magari un cambio di argomenti potrebbe convincere gli scettici. Sarebbe una scelta rischiosa, perché nessuno sa come potrebbe andare a finire. Ma in democrazia non si può governare contro il volere del popolo. È evidente che i problemi economici dell'euro, per quanto gravi, possono essere risolti. Se l'Europa sta sprofondando ci saranno anche ragioni politiche".

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento