Una nuova frontiera

Ad agosto 2018, Alexandra Lebon e Bénédite Topuz hanno percorso il confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda; da est ad ovest, da Omeath a Muff, le due fotografe sono andate a incontrare gli irlandesi che vivono al confine.

Pubblicato il 14 Maggio 2020 alle 18:48

Ad agosto 2018, Alexandra Lebon e Bénédite Topuz hanno percorso il confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda; da est ad ovest, da Omeath a Muff, le due fotografe sono andate a incontrare gli irlandesi che vivono al confine. 

Nel corso degli anni, dopo il Good Friday Agreement, l’accordo di pace firmato nel 1998, questa frontiera, lunga 499 km, è diventata fisicamente invisibile e facile da attraversare. Nel bel mezzo dei negoziati sulla Brexit, la questione del confine irlandese ricorda una storia dolorosa.

Come il resto del Regno Unito, l’Irlanda del Nord lascerà l’Unione europea e il mercato comune il 31 dicembre 2020. Il Paese resterà nel territorio doganale britannico ma costituirà una porta d’ingresso nel mercato comune europeo. Per questo, non ci saranno frontiere fisiche tra le due parti dell’Irlanda. I controlli doganali verranno effettuati nei porti, tra il Regno Unito e l’isola irlandese.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento