Klerides, Papadopoulos et Christophias, gli ultimi tre presidenti di Cipro. Sulle sedie: “Entrata in Europa”, “Entrata nell'euro”, “Entrata nel meccanismo” di salvataggio

Una presidenza difficile

Domanda di salvataggio finanziario, boicottaggio turco, Nicosia ha preso la guida dell’Ue in condizioni difficili. Ma si tratta di un appuntamento cruciale da non sprecare, avverte il quotidiano Phileleftheros.

Pubblicato il 2 Luglio 2012 alle 13:59
Klerides, Papadopoulos et Christophias, gli ultimi tre presidenti di Cipro. Sulle sedie: “Entrata in Europa”, “Entrata nell'euro”, “Entrata nel meccanismo” di salvataggio

Il primo luglio è un giorno storico per Cipro. La Repubblica assume la presidenza dell’Unione europea per i prossimi sei mesi. Per la prima volta dall’entrata del paese nell’Ue nel 2004, siamo di fronte a una grande sfida. L’Europa attraversa un momento difficile, soprattutto sul piano economico, e Cipro cercherà di trovare delle vie di uscita e di creare un terreno di intesa fra i paesi membri. Si tratta di un compito difficile per un paese piccolo, senza esperienza e con capacità limitate. Tuttavia per presiedere l’Ue né l’esperienza né le dimensioni del paese sono un ostacolo, del resto esistono dei meccanismi dell’Unione per sostenere le presidenze.

Cipro assume l’incarico prima di affrontare, oltre alle difficoltà pratiche, le minacce e le allusioni turche [la Turchia, che occupa la parte nord dell’isola, ha deciso di boicottare la presidenza cipriota e di bloccare per sei mesi le sue discussioni con l’Ue]. Ma nel momento in cui Nicosia ha il sostegno dei suoi partner e di tutte le istituzioni europee questo problema rimane gestibile.

Tuttavia a questo si è aggiunto anche il problema della richiesta di aiuto al meccanismo di salvataggio europeo. Non ci poteva essere momento peggiore per farlo. Non vogliamo demonizzare il meccanismo di aiuto, e non pensiamo neppure che sia la fine del mondo, riteniamo solo che sia stato un errore farvi ricorso pochi giorni prima di assumere la presidenza dell’Ue. L’attenzione di tutti si concentrerà ovviamente su questo avvenimento e tutti i vantaggi di un semestre trascorso a capo dell’Ue passeranno in secondo piano. Per questo motivo siamo convinti che il governo, una volta ritenuto inevitabile il ricorso al meccanismo di aiuto, avrebbe dovuto prendere questa decisione prima.

In ogni modo continuiamo a pensare che la Repubblica di Cipro abbia le capacità di sfruttare le opportunità legate alla presidenza dell’Ue. Crediamo che grazie alla buona gestione dei vari punti in discussione e dei temi che caratterizzeranno questo semestre, il clima potrà cambiare. L’importante sarà gestire seriamente le difficoltà e soprattutto non perdere di vista le problematiche europee. Su questo punto e in particolare sulla questione cipriota, gli eventi non devono essere considerati in modo fazioso.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Se eserciteremo la presidenza concentrandoci sulla politica interna, andremo sicuramente incontro a un fallimento. Per non essere testimoni di una situazione del genere, dovremo essere seri e comportarci come dei veri europei. Questa è la nostra unica possibilità. Oggi la Repubblica di Cipro si appresta a spiccare il volo per un breve ma importante viaggio. Un volo che potrà andare molto in alto, lo speriamo, ce lo auguriamo.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento