“Una riforma frena il processo al regime cinese all’Audiencia”

Pubblicato il 16 Dicembre 2013 alle 10:46

Il governo spagnolo prepara una riforma del potere giudiziario per limitare la competenza dei tribunali spagnoli sui crimini commessi fuori dalla Spagna, riporta El País
La decisione arriva dopo l’emissione del 19 novembre di un mandato d’arresto nei confronti dell'ex presidente cinese Jiang Zemin e dell’ex primo ministro Li Peng, ritenuti colpevoli di genocidio nei confronti del popolo tibetano dopo che un cittadino tibetano naturalizzato spagnolo aveva presentato una denuncia all’Audiencia nacional, uno dei più alti tribunali del paese.
In base alla riforma le denunce saranno accettate soltanto se la vittima possedeva la cittadinanza spagnola nel momento del presunto crimine, e inoltre sarà concessa la possibilità di veto al Consiglio dei ministri per ragioni di “interesse generale”, precisa il quotidiano:

Il governo spagnolo non vuole che la giurisdizione universale dei tribunali spagnoli possa compromettere le relazioni diplomatiche ed economiche con altri paesi, specialmente quelli del peso della Cina.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento