Ashton-Israele, una tempesta in un bicchier d’acqua

La dichiarazione dell’Alta rappresentante per la politica estera dopo la strage di Tolosa ha scatenato reazioni spropositate in Israele. Insistere col vittimismo è inutile controproducente.

Pubblicato il 26 Marzo 2012 alle 15:04
Catherine Ashton a Gerusalemme nel 2010

Come se l’orrore di Tolosa non fosse abbastanza, come se il sospetto che Al Qaeda sia coinvolta nell'attacco non fosse abbastanza, come se le continue critiche a Israele non fossero abbastanza, ci siamo inventati un altro nemico immaginario: Catherine Ashton, capo della diplomazia dell’Unione europea.

Ashton ha rilasciato alcune dichiarazioni di dubbio gusto sui bambini uccisi a Tolosa, mischiando imprudentemente le vittime degli incidenti stradali (Belgio), quelle della guerra (Siria, Gaza e Sderot) e quelle dell’odio razziale (Francia). Immediatamente – in senso letterale – Israele ha scatenato un pandemonio internazionale nonostante il grande sostegno espresso dalla Francia – in primis dal suo presidente – alla comunità ebraica.

Figura marginale ma apparentemente animata da buone intenzioni, Ashton si è semplicemente espressa nel modo sbagliato. È evidente che aveva buoni propositi, come è chiaro che non è assolutamente anti-israeliana. Per averne la prova basta ascoltare per intero le sue dichiarazioni. Ashton ha espresso tristezza per la sorte di bambini uccisi brutalmente, come fanno spesso i politici. La reazione sdegnata di Tel Aviv, orchestrata dal premier e dal ministro degli esteri e sostenuta da una schiera di giornalisti ed esperti, è sbagliata e inutile non meno delle dichiarazioni dell’Alta rappresentante.

Se Ashton fosse stata un rappresentante del governo degli Stati Uniti, nessuno l’avrebbe attaccata in questo modo. Questa offensiva è chiaramente sospetta, e molto probabilmente non è in buona fede. È probabile che ancora una volta Israele stia strumentalizzando un passo falso per aumentare ulteriormente il senso di colpa degli altri, per alimentare la paura dei politici mondiali e degradare sempre di più lo scenario politico internazionale.

Oggi Israele si scaglia contro le parole di Ashton come fosse l’Anti-defamation league. Le implicazioni sul lungo perodo sono molto pericolose. In futuro Ashton, che non è mai stata una nemica di Israele quanto piuttosto il tipico politico europeo convinto che l’occupazione israeliana debba finire, probabilmente starà più attenta, ma coverà inevitabilmente un sentimento di rancore nei confronti dello stato israeliano per averla umiliata. E non è certo una buona cosa per Israele.

Noi siamo diversi

Non è ammesso che lo stato ebraico sia paragonato a qualcos’altro, né al Sudafrica dell’apartheid né a qualunque altro stato oppressore o regime colonialista del presente o del passato. Noi siamo sempre diversi dagli altri. I bambini di Sderot sono diversi dai bambini di Gaza. I bambini di Tolosa non devono essere paragonati agli altri bambini che vengono massacrati altrove in nome dell’odio nazionalista. I nostri bambini sono diversi, e devono esserlo non solo per noi (come in un certo senso è naturale) ma anche per il resto del mondo. Questa è la nostra richiesta insindacabile. La sofferenza dei palestinesi non dev’essere assolutamente paragonata alle altre lotte per la liberazione in tutto il mondo. Chiunque oserà metterci sullo stesso piano degli altri la pagherà cara.

Basterà un giorno a dimenticare il mini-scandalo Ashton. Israele celebrerà un’altra microscopica vittoria, ma le scorie resteranno. Non è Ashton ad aver perso la testa, ma Israele, che continua a recitare con toni stucchevoli la parte dell’eterna vittima. E tutto ciò mentre il mondo piange i morti di Tolosa ed esprime solidarietà allo stato ebraico.

Reazione

Un continente smidollato

Il discorso in cui il capo della diplomazia Ue ha paragonato l’omicidio dei tre bambini ebrei di Tolosa del 19 marzo al massacro di Utøya e agli ultimi fatti di sangue in Siria ha scatenato reazioni di sdegno in Israele.

“Un'equazione così ignobile riflette un sistema di valori incredibilmente contorto, abbinato a un'ignoranza totale della realtà globale e del Medio Oriente”, scrive Ygal Walt sul quotidiano conservatore Yediot Aharonot.

Non sorprende che Hamas abbia subito elogiato Ashton per le sue dichiarazioni, evidenziando chiaramente la confusione morale dell'Europa […] L’imbarazzante "puntualizzazione" dell'Unione, che non ha smentito le parole di Ashton ma precisato soltanto che l’Alta rappresentante non intendeva paragonare Tolosa a Gaza, non ha cambiato nulla. Anzi, ha dimostrato ulteriormente quanto l’Europa sia smidollata e tendente a cambiare opinione per soddisfare gruppi differenti, e non rispetti un criterio morale definito.

Ora non ci resta che osservare la deriva del ‘vecchio continente’ verso un nuovo orizzonte oscuro. Da un lato la tendenza all’islamizzazione non farà che rafforzarsi, mentre dall’altro il nazionalismo radicale crescerà esponenzialmente. L’Europa del tardo ventesimo secolo, che prometteva di sventolare la bandiera della tolleranza e del liberalismo, si trasformerà lentamente in una regione caotica e dilaniata dai contrasti, senza più spazio per i valori morali. Comunque sia, Ashton non deve scusarsi o chiarire il senso delle sue parole. Dopo tutto, ciò che ha detto riflette perfettamente l’essenza di un continente decaduto e agonizzante.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento