Attualità Cipro e il Covid-19

Il Coronavirus aggiunge alla divisione dell’isola

Il lockdown e le restrizioni al movimento imposte dalla primavera hanno approfondito la separazione tra la comunità greca e quella turca e pesato sulle discussioni intorno alla riunificazione. E pesano sull'elezione del prossimo leader dell'autoproclamata "Repubblica Turca" del Nord l'11 ottobre.

Pubblicato il 8 Ottobre 2020 alle 17:00
Chloé Emmanouilidis |  Ledra street il 7 ottobre.

All'inizio di ottobre, mentre l’estate si prolunga, in via Ledra, il corso di Nicosia, regna un silenzio profondo e insolito. I musicisti di strada hanno disertato la strada e la gelateria Heraklis, frequentata dagli anziani, è semivuota, come se il coronavirus avesse avuto la meglio sulla vivacità di questa storica via.

Tutto è iniziato alla fine di febbraio, quando il governo della Repubblica di Cipro ha deciso unilateralmente di bloccare la diffusione del coronavirus chiudendo quattro degli otto checkpoint con la parte settentrionale dell'isola sotto occupazione turca (Rtcn). Questa disposizione è ancora oggi in vigore. Il punto di attraversamento pedonale di Ledra è chiuso ai greco-ciprioti e ai turco-ciprioti che desiderano viaggiare da una parte e dall'altra. Per la prima volta dall'apertura del checkpoint nel 2008 sono state erette delle transenne. A Nicosia l'atmosfera della divisione preesistente dell’isola è sempre più palpabile.

Le due comunità non sono mai state così lontane l'una dall'altra da quando, nel 2003, gli scambi tra le due parti sono stati resi più facili. Diversi check-point sono stati sparsi lungo la "linea verde" controllata dalle Nazioni Unite. Questa zona smilitarizzata separa ermeticamente l'isola in due, facendo di Nicosia l'ultima capitale divisa dell'Unione europea.

Per Ediz Ozmindik, studente turco-cipriota dell'Università di Cipro e venditore in un supermercato nella parte meridionale dell'isola nel tempo libero, la chiusura di Ledra è una vera delusione. "Con i miei amici greco-ciprioti andavamo a bere in un bar a nord di Ledra Street. A causa del coronavirus ho perso il contatto con molti di loro perché non possono più attraversare il checkpoint", dice in un greco perfetto.

Ediz Ozmindik | Foto: Chloé Emmanouilidis

Vittime collaterali della chiusura dei posti di blocco, i lavoratori turco-ciprioti che lavorano nel Sud hanno denunciato le misure di quarantena delle autorità del Nord, sostenendo che la parte meridionale stava aprendo punti di attraversamento mentre la Rtcn stava chiudendo. "Durante i tre mesi di lockdown ho dovuto vivere con soli 1.000 euro perché non avevo accesso al mio conto in banca al Sud perché non mi era permesso di andarci", sospira Ediz. Lo studente ventitreenne racconta che effettuare un test Covid al Nord è stata per lui una "vera e propria tortura", tra le infinite code e le autorità che hanno ritardato la comunicazione dei risultati fino al giorno successivo per dissuadere i lavoratori turco-ciprioti dall'andare a Sud.
Dinanzi a questo contesto pandemico, le Nazioni Unite e la Forza dell’ONU a Cipro (UNFICYP) non hanno nascosto le loro preoccupazioni. I rapporti del Segretario Generale dell'ONU invitano il presidente della Repubblica di Cipro, Nikos Anastasiades, e il leader turco-cipriota Mustafa Akinci a rispondere in modo coordinato a questa crisi globale. Solo a giugno, e dopo cinque mesi di crisi, i due leader hanno accettato di eliminare alcune restrizioni intorno ai tre posti di blocco rimasti nella capitale.

Test pcr

Ancora oggi in vigore, questa misura riguarda soprattutto i lavoratori, gli studenti e chi vive in un enclave. Con il suo status di studente e di lavoratore, Ediz può ora essere testato gratuitamente al checkpoint di Agios Dometio in periferia di Nicosia, presentare un test negativo di due settimane e attraversare il checkpoint per continuare i suoi studi.

A partire dal 21 giugno scorso la Repubblica di Cipro ha permesso ai greco-ciprioti, ai turco-ciprioti e ai residenti legali permanenti della Repubblica di attraversare le due parti a condizione che presentino un test coronavirus negativo risalente ad almeno 72 ore. Mentre i greco-ciprioti hanno visto un miglioramento, il prezzo del test pcr, 80 euro, è ancora troppo alto e inaccessibile per molti cittadini abituati a visitare il Nord quotidianamente. 

Qualsiasi decisione di limitare la circolazione sull'isola è politicamente sensibile a causa della divisione territoriale tra le popolazioni greco-cipriote e turco-cipriote. Le ragioni risalgono all'invasione dell'isola da parte della Turchia nel 1974, dopo un breve colpo di stato di ispirazione greca. La "Repubblica Turca di Cipro del Nord" ("Rtcn") si è proclamata nel 1983 ed è riconosciuta soltanto dalla Turchia.

Nei circoli pacifisti l'annuncio della chiusura dei posti di blocco alla fine di febbraio ha causato molta amarezza e frustrazione. Circa 300 manifestanti si sono riuniti ai punti di attraversamento di Ledra Street, dove sono scoppiate tensioni tra le forze dell'ordine e i sostenitori della riunificazione: "Non sottovalutiamo il virus, ma abbiamo pensato che in tempi di crisi, e per se si vuole davvero contribuire allo sforzo di riunificazione, entrambe le parti dovrebbero affrontare questa crisi insieme e non unilateralmente", dice Andromachi Sophocleous, un’attivista della piattaforma bicomunitaria "Unite Cyprus Now" e un’analista politica.

Per lei la creazione di un Comitato tecnico sanitario bicomunitario, composto da epidemiologi greco-ciprioti e turco-ciprioti, per scambiare dati epidemiologici e fornire assistenza alle due parti durante la crisi del coronavirus, non è una "indicazione sufficiente" del fatto che il paese aspira alla riunificazione. Denuncia, in particolare, la mancanza di coordinamento tra le due parti.

Il checkpoint di Ledra Street il 7 ottobre | Foto: Chloé Emmanouilidis

Indietro di anni

Infatti, mentre il coronavirus stava gradualmente scomparendo dall'isola, la Rtcn ha annunciato l'apertura dei suoi aeroporti ai voli provenienti dalla Turchia, allora considerata l'epicentro del contagio nella regione, mentre la Repubblica di Cipro si preparava alla stagione turistica e accoglieva turisti provenienti da paesi dove i casi di covid-19 erano migliaia. 

"La questione delle restrizioni ci riporta indietro di anni. La questione dei check-point non è nelle rispettive agende di Nikos Anastasiades e Mustafa Akinci. Non hanno alcun desiderio di risolvere questo problema. La Repubblica di Cipro non si ferma a Ledra", dice Sophocleous, secondo la quale la vera minaccia ora è quella della spartizione, cioè due stati separati affiancati, che legittimerebbero l'invasione e l'occupazione da parte della Turchia. Auspica tuttavia che l'Unione europea dia un impulso alla ripresa dei negoziati sulla questione cipriota. 

Da parte sua, il Consiglio di sicurezza dell'ONU, il 27 luglio, ha chiesto l'apertura di tutti i punti di attraversamento e il ritorno alla normalità e alla situazione precedente il 29 febbraio 2020. Per quanto riguarda le restrizioni alla circolazione imposte per impedire la diffusione del Covid-19, ha invitato le parti a coordinarsi in modo da mantenere le restrizioni entro i limiti necessari per proteggere la salute pubblica.

Per Nikolaos Stelya, giornalista del quotidiano cipriota Kathimerini e universitario, "la pandemia ha influenzato radicalmente la questione di Cipro. Non vi è più alcuna interazione tra greco-ciprioti e turco-ciprioti. Entrambe le parti non sono state all'altezza di questa crisi. Non possiamo dare la colpa a una parte o all'altra. Entrambe sono da biasimare per la loro riluttanza a trovare una soluzione ai punti di controllo.” 

Mustafa Akinci, che è piuttosto favorevole alla riunificazione e sostiene una maggiore indipendenza dalla Turchia, era stato attaccato dal suo e primo ministro, Ersin Tatar, sostenitore della partizione e di un riavvicinamento ad Ankara, per aver accettato l'aiuto della Repubblica di Cipro durante la crisi. Il suo "governo" ha anche tardato a condividere un rapporto con il Comitato tecnico sanitario bi-comunale sui dati epidemiologici del Nord, un ritardo che ha aumentato la sfiducia della parte greca.

“Elezioni presidenziali”

Non c'è dubbio che la pandemia è oggetto di una battaglia politica ed è diventata uno dei principali temi di campagna delle "elezioni presidenziali" della Rtcn, che si terranno l'11 ottobre, dopo essere state rinviate a causa del coronavirus. L'esito delle elezioni è incerto, con i vari sondaggi condotti nei giorni scorsi che hadavano sia Akinci che Tatar vincenti.

"La pandemia è diventata uno strumento di propaganda per i sostenitori della non soluzione del problema di Cipro e della divisione, cioè per la destra e soprattutto per il candidato Ersin Tatar, sostenuto dalla Turchia. Durante la crisi del coronavirus, la destra credeva che con l'aiuto della 'madrepatria', la Rtcn potesse emergere dalla crisi del coronavirus", dice Nikolaos Stelya. "Se c'è un candidato che potrebbe uscirne meglio, sarà Mustafa Akinci, ma ci sono altri problemi, come l'apertura della città fantasma di Varosha da parte della Turchia in violazione delle risoluzioni dell'ONU e le incursioni turche nella Zona economica esclusiva cipriota", aggiunge.

Newsletter in italiano

Secondo i dati della polizia greco-cipriota, tra il giugno e il 13 agosto 2020, tra le due parti sono avvenuti complessivamente 50.000 attraversamenti, contro i 1.072.800 dello scorso anno nello stesso periodo. Anche se il commercio sta gradualmente riprendendo, questi numeri mostrano una diminuzione di oltre la metà delle interazioni tra le due parti. Con la crisi del coronavirus, la divisione dell'isola è più forte che mai. Mentre con il progredire del Covid-19, in Europa e nel mondo le frontiere si stanno aprendo e chiudendo, a Cipro sembra che un confine stia rinascendo. 

Le elezioni dell'11 ottobre saranno quindi decisive per il futuro dell'isola. Gli osservatori evocano la ripresa dei colloqui per una soluzione della questione cipriota dopo le elezioni nel nord dell’isola. Tuttavia, i negoziati sono fermi da tre anni a causa delle incursioni turche nella zona economica esclusiva di Cipro. Oltre alla pandemia, un altro fattore sta influenzando la ripresa dei negoziati: l'annuncio, martedì 6 ottobre, da parte del presidente turco Recep Tayyp Erdoğan e di Ersin Tatar dell'apertura del litorale di Varosha.


E mentre la minaccia di una soluzione a due stati separati plana nuovamente sull'isola, un sondaggio condotto il 26 settembre dall'Università di Cipro in collaborazione con la London School of Economics and Political Science mostra il desiderio dei greco-ciprioti e dei turco-ciprioti di risolvere la questione cipriota sulla base di una federazione bi-zonale e bicomunitaria (66,5% e 77,8% rispettivamente). L'85,5 per cento dei greco-ciprioti e il 77,1 per cento dei turco-ciprioti sono infine favorevoli alla soluzione della questione cipriota in modo da garantire non solo l'uguaglianza politica dei turco-ciprioti, ma anche la sicurezza dei greco-ciprioti contro qualsiasi influenza turca.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento