“Da nessun’altra parte gli stranieri lavorano così poco”

Pubblicato il 29 Ottobre 2013 alle 11:58

Cover

Nel 2012 appena i due terzi (62 per cento) degli immigrati extraeuropei che vivono in Belgio avevano un lavoro, nota De Standaard citando le cifre di Eurostat.
Questa proporzione, nettamente inferiore alla media europea (73 per cento), si spiega soprattutto con il declino dell’industria del paese e con le esigenze linguistiche dei datori di lavoro belgi. Ma gli immigrati soffrono anche di una “discriminazione persistente”, spiega un esperto citato dal quotidiano:

I datori di lavoro hanno un pregiudizio secondo cui gli immigrati sono lavoratori inferiori. Di conseguenza vengono assunti per i ruoli che i belgi non vogliono ricoprire, come quelli a tempo determinato o da apprendisti. Nei paesi dove ci sono più lavori “non graditi” gli immigrati hanno un tasso di attività più alto.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento