Fine della latitanza per Messina Denaro

Pubblicato il 18 Gennaio 2023 alle 11:40

Il 16 gennaio i Carabinieri hanno arrestato Matteo Messina Denaro, il capo di Cosa Nostra, la mafia siciliana. Messina Denaro, 60 anni, era stato condannato in contumacia all'ergastolo per omicidio ed era in fuga dal 1993.

La caccia trentennale a uno dei criminali più ricercati d’Italia, si è conclusa all'ospedale La Maddalena di Palermo, dove Messina Denaro si recava da tempo per motivi di salute e dove è stato finalmente arrestato. "L'ultimo leader della generazione omicida di Cosa Nostra non poteva più nascondersi", ha commentato Roberto Saviano, scrittore e giornalista italiano sotto protezione della polizia per le sue rivelazioni sulla criminalità organizzata del Sud Italia. "Ovviamente era nella sua terra: come tutti i capi era esattamente nel luogo dove tutti sapevano fosse”. 

Per isolare Messina Denaro, la polizia italiana ha preso di mira il suo entourage per oltre 20 anni, effettuando arresti e sequestrando proprietà. Le conseguenze per Cosa Nostra sono meno chiare. Secondo l'ex procuratore Gian Carlo Caselli, il sistema mafioso ha dimostrato in passato la capacità di rinnovarsi nonostante gli arresti dei suoi leader.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni un giornalismo che non si ferma ai confini

Approfitta delle offerte di abbonamento oppure dai un contributo libero per rafforzare la nostra indipendenza

Sullo stesso argomento