Il governo non c’è più

Pubblicato il 16 Novembre 2010 alle 12:41

Cover

"Qui crolla tutto", titolava L'Espresso questa settimana a proposito dell'aggravarsi della crisi di governo e degli scandali e dei disastri (le alluvioni, il crollo della Casa dei gladiatori a Pompei) che le fanno da sfondo. Ieri Futuro e libertà per l'Italia ha ritirato i suoi ministri dal governo dopo che Berlusconi ha rifiutato di dimettersi, come richiesto da Gianfranco Fini. Il governo dovrebbe comunque restare in piedi fino all'approvazione della finanziaria, prevista per metà dicembre, dopodiché niente è sicuro. La Lega nord vorrebbe andare subito alle urne, Fini e il resto dell'opposizione stanno negoziando un governo tecnico per cambiare la legge elettorale, e Berlusconi ha ventilato l'ipotesi di sciogliere solo la camera dei deputati, dove ha perso la maggioranza. Qualunque sia l'esito, la fase pre-elettorale si annuncia ancor più infuocata del solito.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento