Ovunque nel mondo si moltiplicano le iniziative di solidarietà con i tre membri del gruppo punk femminista russo Pussy Riot dopo l’apertura, a fine luglio, del processo contro di loro. Nadezhda Tolokonnikova, 22 anni, Ekaterina Samutsevic, 30 anni, e Maria Alekhina, 24 anni, sono detenute da marzo scorso per aver cantato una “preghiera punk” contro il presidente Vladimir Putin in una cattedrale di Mosca. Accusate di “vandalismo” e di “incitazione all’odio razziale”, rischiano tre anni in un campo di lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento