Vignetta Crisi climatica

Calore umano

Pubblicato il 19 Luglio 2022 alle 11:58

Il mese di luglio 2022 è all'insegna di temperature e incendi da record in Europa: la parte occidentale del continente è in preda a un'ondata di calore che ha colpito Portogallo, Spagna e Francia, e ha raggiunto l'Irlanda e il Regno Unito in modo inedito, con temperature che hanno raggiunto i 40°C all'ombra. 

Questa seconda ondata, dopo quella iniziale di giugno, potrebbe essere peggiore di quella del 2003, che ha causato quasi 70.000 morti in Europa. A causa della siccità e del caldo estremo, gravi incendi boschivi hanno devastato parti della penisola iberica, della Grecia e della Francia.

👉 La nostra serie sui megaincendi in Europa: Terra bruciata

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature, l'Europa appare come un "punto nevralgico" per le ondate di calore, che sono aumentate in frequenza e intensità negli ultimi 42 anni "da tre a quattro volte" rispetto a regioni con latitudine e altitudine simili. Questo è dovuto a fenomeni naturali come le variazioni delle correnti atmosferiche e oceaniche e gli scambi tra terra e mare e l'atmosfera, nonché la temperatura del mare, ma anche al riscaldamento globale dovuto alle emissioni di gas serra prodotte dall'uomo.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento