La Gran Bretagna costruirà prigioni "comode" in Nigeria

Pubblicato il 9 Luglio 2009 alle 15:22

Cover

Il contribuente britannico è nuovamente sotto attacco, lamenta il Daily Mail, dato che il governo del Regno Unito sembra intenzionato a stanziare "un milione di sterline per costruire un carcere... in Nigeria". La prigione "comoda" è destinata a ospitare 400 detenuti nigeriani oggi detenuti nelle carceri inglesi, che non possono essere espulsi a causa della loro pena da scontare. "In Nigeria le prigioni", lamenta il quotidiano di Londra, "sono trattati così male che ognuno di loro (...) potrebbe ottenere l'annullamento della pena in nome del rispetto dei diritti umani". Il governo del Regno Unito si augura che l'applicazione delle norme britanniche a un carcere nigeriano possa favorire il rimpatrio dei prigionieri.

Mentre Lin Homer, capo dell'Agenzia delle frontiere britanniche, sostiene che questo "farebbe risparmiare molto denaro ai contribuenti", il gruppo di pressione "Contribuenti alleati" protesta contro uno "scandalo assoluto". Dall'altro lato diversi gruppi per i diritti umani affermano che le attuali condizioni delle prigioni nigeriane siano "spaventose", con oltre il 50% dei detenuti ancora in attesa di processo, alcuni anche "da dieci anni".

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento