Lampedusa, Maroni alza la voce

Pubblicato il 28 Marzo 2011 alle 11:41

Cover

L’emergenza rifugiati a Lampedusa continua a peggiorare. Il 27 marzo è stata una giornata record per gli sbarchi, con duemila arrivi in 24 ore che hanno portato il totale degli ospiti delle sovraffollate strutture dell’isola a oltre settemila. In un’intervista al Corriere della Sera il ministro dell’interno Roberto Maroni si è rivolto alle regioni italiane, che non vogliono accogliere i rifugiati destinati loro dal piano del governo, e ha accusato la Tunisia di non rispettare gli accordi sull’immigrazione, minacciando il rimpatrio unilaterale dei migranti tunisini. Maroni ha anche ribadito l’opposizione della Lega Nord all’intervento in Libia, definito “pantano”, ed espresso sostegno al piano di transizione “soft” che Italia e Germania presenteranno il 29 marzo al vertice della coalizione a Londra come alternativa alle proposte franco-britanniche.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento