Analisi Guerra in Ucraina e diritti LGBTQ+

In Lituania il movimento “anti-gender” si allinea alla propaganda del Cremlino

In Lituania, la guerra in Ucraina ha offerto ai movimenti anti-gender un pretesto per rinviare i dibattiti sui diritti civili e le questioni legate agli LGBTQIA+ e alla legge sulle unioni civili. Al di là della retorica, quella che è in corso è una replica fedele della crociate del Cremlino contro la “propaganda gay”.

Pubblicato il 25 Ottobre 2022 alle 14:30
Questo articolo è riservato ai nostri membri

Qualche giorno dopo l’inizio della guerra in Ucraina, un’organizzazione non governativa dal nome orwelliano,“Free Society Institute”, ha inviato una lettera aperta al parlamento lituano, invitandolo a rinviare le udienze previste per l’approvazione della legge sulle unioni inclusive neutrali rispetto al genere, il cui voto era in calendario per le due settimane successive.  Questo disegno di legge è in primo piano nell’agenda del movimento anti-gender in Lituania, insieme a altre questioni “controverse”, come la ratifica della Convenzione di Istanbul (la convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica) e la depenalizzazione del reato per il  possesso piccole quantità di stupefacenti.

Sfruttando l’ondata di terrore che colpisce oggi la società lituana, questi individui e gruppi hanno deciso di agire per cancellare dall’agenda politica le questioni legate ai diritti umani.

Il paradosso, o per meglio dire, la prevedibile tendenza connessa a questi sviluppi, è che la posizione di questi attivisti anti-gender: ripetono alla lettera l’ideologia dei cosidetti “valori tradizionali” promossa dal Cremlino.

La lettera del Free Society Institute ha chiesto al parlamento lituano di astenersi dal discutere tematiche che possano “dividere i cittadini lituani” e mettere a rischio la stabilità della “famiglia tradizionale”, pilastro della società. Nel giro di pochi giorni, le loro tesi sono state riprese dalla parlamentare Agnė Širinskienė, teologa e avvocata, nota per il suo sostegno alle cause conservatrici.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Agnė Širinskienė ha ribadito che a causa delle “tensioni geopolitiche” in Europa, ogni questione “divisiva” dovrebbe essere cancellata dall’ordine del giorno, e ha perfino depositato una mozione per evitare che nella sessione primaverile del parlamento si discuta questo disegno di legge. Nel frattempo, i parlamentari sono stati inondati di email e sms dai difensori della famiglia tradizionale che li sollecitano a non discutere la legge sulle unioni civili.

La battaglia contro l “ideologia gender”

Quello che succede in Lituania non è certo una novità pe…

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento