Rassegna Climatica

Quale clima per Europa del 2040?

La Commissione europea ha presentato il suo piano climatico con l'obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 90 per cento entro il 2040 rispetto ai livelli del 1990. L'obiettivo, a lungo atteso, ha fatto seguito alle ambiziose raccomandazioni del Comitato scientifico consultivo dell'Ue. La nostra rassegna, in collaborazione con Display Europe.

Pubblicato il 8 Febbraio 2024 alle 11:20

Le reazioni della società civile alla presentazione degli obiettivi climatici dell’Ue per il 2040 sono state forti. Le ong hanno insistito sul fatto che, rispetto a una prima bozza circolata nelle scorse settimane, il testo finale è leggero quando si tratta di agricoltura. Michel De Muelenaere ha scritto su Le Soir che le discussioni su questo tema sotto la presidenza belga del Consiglio dell'Unione promettono di essere difficili, visto che stiamo assistendo a "un'accelerazione storicamente elevata dei cambiamenti climatici nel 2023, segnata da un riscaldamento che raggiungerà per la prima volta 1,48°C al di sopra del livello preindustriale". Il nuovo obiettivo, così come l'aspetto dell'Europa tra 16 anni, richiede un ulteriore sforzo di immaginazione.

Jon Henley, Sam Jones e Lorenzo Tondo raccontano sul Guardian la prima notizia dalla plenaria di Strasburgo: l'Ue ha scartato i suoi piani per limitare l'uso di pesticidi chimici entro la fine del decennio. La proposta originale – parte del piano per la transizione verde – "è diventata un simbolo di polarizzazione", ha detto la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen nel suo intervento. I punti principali della proposta della Commissione sono descritti in dettaglio da Ajit Niranjan in un altro articolo del Guardian.

Al momento in cui scrivo, i clacson di oltre mille trattori risuonano nelle strade di Bruxelles. Sono gli agricoltori francesi, italiani, olandesi, spagnoli e tedeschi che per il terzo giorno consecutivo hanno preso d'assalto il quartiere delle istituzioni europee. Ne parliamo nella rassegna di Francesca Barca.

Ma attenzione, perché il diavolo si nasconde nei dettagli. Gli agricoltori biologici riconoscono che il vero problema è il cambiamento climatico, dice Lorène Lavocat a Reporterre. Alla fiera bio Millésime di Montpellier, nonostante la calma dei viticoltori, il cambiamento climatico suscita profonda preoccupazione, per l’impatto devastante sulla viticoltura occitana. Siccità prolungate, inondazioni e malattie minacciano le rese, mettendo a rischio la sopravvivenza finanziaria di molti agricoltori. In risposta all'emergenza climatica, le soluzioni vanno dall'irrigazione, vista con scetticismo dagli agricoltori biologici, all'adattamento delle pratiche e alla diversificazione delle colture.

Siccità e acqua potabile

La regione spagnola della Catalogna è colpita da un'emergenza siccità. Dopo aver perso il 16 per cento delle riserve idriche, diversi territori dei bacini interni sono in difficoltà. Maldito Clima suggerisce misure come la limitazione del consumo di acqua a 200 litri al giorno per persona, il divieto di usi privati e ricreativi e l'irrigazione di sopravvivenza solo per colture come alberi da frutto e ulivi. Se la situazione non dovesse migliorare, sono previste fasi più restrittive. 

Parlando di cambiamenti climatici, è impossibile non citare l'inchiesta di Follow the money, realizzata da Matthew Green, Merel de Buck e Birte Schohaus, che hanno svelato documenti interni della compagnia energetica Shell, risalenti agli anni '70, che rivelano la consapevolezza dell'azienda rispetto ai potenziali danni che i suoi prodotti, a base di combustibili fossili, avrebbero potuto causare al clima. I file sono stati scoperti grazie alle ricerche di Vatan Hüzeir, attivista per il clima e dottorando, e sono stati diffusi anche da DeSmog. Le rivelazioni potrebbero essere importanti per le cause legali in corso e future contro Shell.

Stéphane Horel su Le Monde ha evidenziato un'altra terribile verità: i cosiddetti "inquinanti eterni" (PFAS) sono letteralmente entrati nei nostri corpi. Alcune hanno misurato la presenza di PFAS nel sangue di una dozzina di leader politici europei. Tra questi, l'ex vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans (che chiede la messa al bando di queste sostanze) è risultato positivo.

Un'altra inchiesta, condotta da Adam Haertle per l'agenzia di stampa polacca Zaufana Trzecia Strona (tradotta in inglese da BadCyber), mostra che un treno polacco, l'Impuls 45WE, prodotto da Newag, ha subito misteriosi guasti dopo la manutenzione da parte di un'azienda indipendente, Serwis Pojazdów Szynowych (SPS), che ha vinto l'appalto di manutenzione contro Newag. Quando i treni non si sono avviati dopo la manutenzione, Dragon Sector, un team di hacker, è stato ingaggiato per indagare. La loro analisi ha portato alla luce un software programmato per disattivare i treni in caso di manutenzione al di fuori delle strutture di Newag, oltre ad altri meccanismi di sabotaggio. Questa scoperta ha fatto pensare a malfunzionamenti deliberati per indebolire i concorrenti, ricordando lo scandalo Dieselgate.  Le scoperte hanno evidenziato potenziali pratiche non etiche all'interno dell'industria ferroviaria. Anche l'esperto di ferrovie Jon Worth ha scritto molto sull'argomento.

Su Scena 9, Oana Filip ha intervistato Liviu Chelcea, antropologo e professore all'Università di Bucarest (tradotto da Eurozine). Chelcea ha spiegato che l'acqua, che è centrale nelle dinamiche sociali, riflette le nostre abitudini di consumo di fronte alle sfide ambientali. Le società occidentali percepiscono l'acqua potabile come abbondante. Lo studio di Chelcea sulle infrastrutture idriche analizza la cultura dell'acqua in bottiglia in Romania: nel mezzo del cambiamento climatico, i problemi di scarsità di risorse e di qualità dell'acqua rendendo necessari cambiamenti nelle abitudini di consumo e nel discorso pubblico. 

A tutta destra

Uno studio del think tank European Council on Foreign Relations prevede che un significativo spostamento a destra nel nuovo Parlamento dell'Ue creerebbe una coalizione "anti-clima". Se questa dovesse dominare il numero di seggi, minerebbe in modo significativo il macroprogetto del Green Deal europeo proprio nella sua fase politicamente più difficile, l'attuazione locale, "che avrà un impatto sulla sovranità climatica dell'Ue". Tuttavia, molto dipende dalla politica nazionale. Greta Hirschberg ha analizzato il ruolo dei media nel plasmare il discorso pubblico in Svezia e Danimarca come esempi contrastanti di comunicazione ambientale, su Voxeurop.

In partnership with Display Europe, cofunded by the European Union. Views and opinions expressed are however those of the author(s) only and do not necessarily reflect those of the European Union or the Directorate‑General for Communications Networks, Content and Technology. Neither the European Union nor the granting authority can be held responsible for them.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento