Idee Conferenza sul futuro dell’Europa

Per una Conferenza aperta, trasparente e iscritta nel lungo periodo

In questa lettera aperta rivolta ai presidenti del parlamento, della commissione e del consiglio europei l’associazione Civico Europa chiede che la prossima Conferenza sul futuro dell’Europa non sia una semplice operazione di pubbliche relazioni e comunicazione, ma un vero strumento in grado di esprimere l’interesse dei cittadini europei.

Pubblicato il 11 Febbraio 2021 alle 09:00

Egregia Presidente, Signori Presidenti,

Leader di organizzazioni, di fondazioni e di associazioni che rappresentano la società civile europea e attori impegnati della vita pubblica, economica e sociale, del mondo della cultura, delle arti, delle scienze, dell’istruzione e dell’informazione, riuniti in CIVICO Europa, ci felicitiamo per la negoziazione di un accordo per l’organizzazione e l’inaugurazione della Conferenza sul futuro dell’Europa.

Più che mai, in questo periodo di cambiamenti che non ha precedenti, i cittadini si aspettano un’Unione democratica, coerente ed efficace, capace di affrontare attivamente la crisi sanitaria, sociale, economica e finanziaria scatenata dalla pandemia e in grado di rispondere alle sfide  create dal cambiamento climatico, dalle trasformazioni tecnologiche e dal riequilibrio geopolitico.

Il successo della Conferenza dipenderà dalla sua capacità di essere all’altezza di queste importanti aspettative. In caso contrario, sarà grande il rischio di una delusione collettiva, estremamente dannosa per l’idea stessa di Europa, che aprirebbe la strada, nelle elezioni europee del 2024, a populisti di ogni genere.

Abbònati alla newsletter di Voxeurop in italiano

Per questo, attraverso CIVICO Europa, l’organizzazione civica transnazionale che ci riunisce, vi sottoponiamo quelle che riteniamo essere le condizioni chiave per il successo della Conferenza.

1. Creare una dinamica di appropriazione da parte dei cittadini e della società civile, che devono essere coinvolti in tutto il processo, dalla sua definizione, all’esecuzione, alle conclusioni e alla loro attuazione.

Questo presuppone che l’ufficio esecutivo della Conferenza includa le parti sociali e i rappresentanti della società civile, dei mezzi d’informazione e delle organizzazioni economiche, sociali e culturali europee, delle autorità locali e regionali come membri titolari o osservatori;

2. Rispettare la volontà più volte espressa dalle istituzioni e dagli Stati membri di coinvolgere i cittadini nel dibattito e nelle decisioni sul futuro dell’Unione significa definire una metodologia comune che permetta a questo processo di garantire:

a.   il livello di trasparenza, integrità e rigore necessario alla sua credibilità;

b.   la rappresentanza realmente inclusiva, attraverso il sorteggio della società civile europea e quella dei paesi candidati;

c.   l’inclusione nelle conclusioni della Conferenza del risultato delle delibere così ottenute.

Solo se questi criteri saranno soddisfatti, solo se saranno messi in atto strumenti in grado di attuarli e solo se le strutture e le risorse finanziarie necessarie saranno prontamente attivate, sarà possibile mobilitare e coinvolgere efficacemente tutta la società civile europea, le sue organizzazioni sociali, economiche e culturali e le sue autorità locali e regionali in un dibattito transnazionale che arricchirà e rafforzerà la nostra Unione.

3. Definire un calendario per la realizzazione di questo progetto che sia adeguato alle sue ambizioni e alla natura delle decisioni da prendere:

A tal fine, riteniamo necessario non ridurre la Conferenza al periodo di un anno, cosa che darebbe l’impressione di una fretta inutile che ne minerebbe la credibilità, trasformandola in un’operazione di pubbliche relazioni piuttosto che in un grande momento di espressione di un interesse generale comune.

Ci sembra quindi preferibile articolarla secondo diversi tipi di risultati:

  • In vista delle elezioni europee del 2024, è necessario disporre di proposte per migliorare il funzionamento democratico dell’Unione sin dal prossimo anno;
  • La revisione delle politiche esistenti e lo sviluppo di una visione condivisa dell’Unione per il periodo 2030 – 2040, le quali devono disporre di un tempo commisurato alla loro complessità.

Signora Presidente, Presidenti, il momento che l’Unione sta attraversando richiede a tutti, istituzioni, governi, organizzazioni della società civile, rappresentanti regionali, nazionali ed europei, un cambiamento profondo nella visione, nella struttura e nel funzionamento della nostra Unione.

Dobbiamo essere all’altezza delle sfide della nostra epoca, consapevoli che il futuro dell’Europa dipende dalla capacità della nostra Unione di rassicurare i suoi cittadini, di rispondere concretamente alle loro esigenze e priorità, di difendere i loro interessi e i loro valori di democrazia, solidarietà, giustizia e rispetto dei diritti e delle libertà.

Secondo noi, questo sarà possibile solo se ogni cittadino si sente attore della trasformazione dell’Unione.

Restiamo a disposizione per uno scambio di opinioni il più presto possibile. 

Un cordiale saluto,

Danuta HÜBNER, Europarlamentare, ex commissaria europea

Luca VISENTINI, Segretario generale, confederazione europea dei sindacati

Guy VERHOFSTADT, Europarlamentare, ex presidente del gruppo ALDE (Gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali e per l'Europa) al PE

Pascal DURAND, Europarlamentare

Brando BENIFEI, Europarlamentare

László ANDOR, Economista, segretario generale della FEPS, ex commissario europeo

Luca JAHIER, Membro, ex presidente, Comitato economico e sociale europeo

Karl Heinz LAMBERTZ, Membro, ex presidente, Comitato delle regioni

Daniel COHN-BENDIT, Ex presidente dei Verdi Europei al Pe

Mercedes BRESSO, Ex europarlamentare

Jo LEINEN, Ex europarlamentare,

Sneska QUAEDVLIEG-MIHALOVIC, Segretario generale, EUROPA NOSTRA

Christophe LECLERCQ, Fondatore, EURACTIV

Philippe de BUCK, Direttore generale emerito, BUSINESS EUROPE

Alessia CENTONI, Presidente, European Women Association

Alexandra MITSOTAKI, Presidente, WORLD HUMAN FORUM

Stojan PELKO, ex ministro della cultura della Slovenia

Claus HAUGAARD SORENSEN, Ex direttore generale della Commissione

Jonathan MOSKOVIC, Consigliere per l’innovazione democratica

Michele FIORILLO, Membro, CIVICO Europa

Francesca RATTI, Copresidente di CIVICO Europa, ex vicesegretario generale del PE

Guillaume KLOSSA, Copresidente di CIVICO Europa, ex direttore dell’Ebu


Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento