Sul fronte sbagliato

Dopo gli attentati del 2001 l'occidente ha concentrato le sue forze sulla minaccia del terrorismo islamico. Dieci anni dopo appare chiaro che il vero rischio per il suo potere è rappresentato dall'irresistibile ascesa dell'Asia.

Pubblicato il 9 Settembre 2011 alle 15:40

Mettiamola in questi termini: quando in occasione del trentennale, l´11 settembre 2031, i commentatori scriveranno articoli per spiegare ciò che ha caratterizzato la politica mondiale a partire dal 2001 prenderanno in considerazione una guerra dei trent´anni contro il terrorismo islamista, paragonabile alla Guerra fredda? Non penso. Molto verosimilmente, considereranno che quell´arco di tempo così lungo sarà stato caratterizzato da uno storico passaggio di poteri dall´Ovest all´Est, da una Cina molto più potente e da Stati Uniti molto meno potenti, da un´India più forte e da un´Unione europea più debole.

Come ha sottolineato nel suo libro intitolato Why the West Rules - for Now (Perché l´Occidente domina - per il momento) Ian Morris, docente di storia a Stanford, questo avvicendamento geopolitico avrà luogo in un più ampio contesto caratterizzato da un ritmo incalzante e senza precedenti di progressi tecnologici, sul versante positivo, e di una serie anch´essa senza precedenti di sfide globali sul versante negativo.

Naturalmente, queste sono soltanto congetture elaborate alla luce degli eventi storici. Qualora però le cose dovessero andare veramente in questa direzione, allora il decennio della politica estera americana che ha fatto seguito all´11 settembre apparirà come una deviazione e non il corso principale della storia. Possiamo analizzare questo stesso concetto ricorrendo all´espediente del "E se…?". Nella misura in cui si può affermare che nell´estate del 2001 l´Amministrazione di George W. Bush avesse una visione geopolitica mondiale, la sua attenzione era concentrata sulla Cina, considerata il nuovo concorrente strategico degli Stati Uniti. "E se" gli attentati dell´11 settembre non ci fossero stati e gli americani avessero continuato a concentrare la loro attenzione sulla concorrenza di Pechino? Leggi il seguito sul Guardian.

Abbònati alla newsletter di Voxeurop in italiano

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento