Vignetta Guerra in Ucraina

Referendum farlocchi

Pubblicato il 28 Settembre 2022 alle 20:20

Tra il 23 e il 27 settembre, il Cremlino ha organizzato dei pseudo referendum negli oblast (regioni) di Kherson, Zaporizhia, Luhansk e Donetsk, occupati in tutto o in parte dall'esercito russo. L'obiettivo era chiedere alla popolazione se volesse far parte della Federazione Russa, giustificando così l'invasione. 

I risultati preliminari nei quattro oblast interessati indicano senza sorprese che tra l’87 e il  99% dei votanti sono a favore dell'annessione alla Russia. L'affluenza alle urne variava da meno del 50% a più dell'80% dei votanti, a seconda della regione – dati che vengono contestati in assenza di liste aggiornate sulla popolazione e a causa delle numerose – e palesi – irregolarità nel processo di voto.

Ora spetta alla Duma, il parlamento russo, votare a favore dell'incorporazione dei territori, dopodiché Vladimir Putin dovrà approvarla a sua volta. Con questa mossa Mosca potrà affermare che i tentativi dell'Ucraina di reclamare militarmente queste regioni costituiscono un attacco al proprio territorio.

Ci sono state numerose segnalazioni di intimidazioni da parte di soldati russi che andavano di porta in porta con le urne o che pattugliavano le strade con le schede per il voto. La comunità internazionale ha condannato le consultazioni e ha annunciato che non riconoscerà i risultati.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento