“Un’altra concessione sul fisco”

Pubblicato il 10 Ottobre 2013 alle 10:51

Cover

Il 9 ottobre il consiglio federale svizzero ha autorizzato la firma da parte della Svizzera della convenzione tra l’Ocse e il Consiglio d’Europa riguardante la mutua assistenza amministrativa in materia fiscale, riporta la Nzz.
Firmato da 56 paesi, la convenzione prevede tra le altre cose lo scambio di dati bancari, spontaneo o su richiesta. Per la Svizzera questa adesione significa che sarà possibile avvertire spontaneamente le autorità fiscali dei paesi aderenti alla convenzione quando esiste il sospetto che un conto di una banca svizzera sia alimentato dall’evasione fiscale. Finora Berna ha praticato lo scambio di dati bancari solo con i più importanti partner economici, ma in futuro dovrà lottare contro la frode fiscale anche con gli altri paesi che aderiscono alla convenzione, come la Moldavia o il Ghana.
Secondo le stime sui conti svizzeri ci sono 360 miliardi di euro di denaro nero proveniente dai paesi in via di sviluppo. “La lunga storia dell’indebolimento del segreto bancario svizzero attraversa una nuova tappa”, commenta in prima pagina la Neue Zürcher Zeitung.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento