Il Manifesto del 3 giugno 2009.

Votare tra le rovine

Pubblicato il 3 Giugno 2009 alle 14:59
Il Manifesto del 3 giugno 2009.

Nonostante i solenni impegni per un'immediata ricostruzione presi all'indomani della tragedia in Abruzzo, "a due mesi, 302 morti e 65mila sfollati dal giorno del terremoto, l'unica cosa visibile è l'emergenza", scrive Il Manifesto. Tra le vittime di questa situazione, secondo il quotidiano comunista, ci sarà la partecipazione alle elezioni europee. Ai 35mila "pendolari del terremoto", già costretti a fare la spola tra le sistemazioni provvisorie lungo la costa abruzzese e i loro luoghi di residenza e lavoro, votare nelle circoscrizioni allestite alla bell'e meglio tra le macerie costerà non poche difficoltà, che si aggiungono alla disillusione per l'abbandono da parte delle istituzioni. Facile prevedere un astensionismo record, dunque

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento