“Zemocrazia”

Pubblicato il 26 Giugno 2013 alle 10:07

Cover

Il 25 giugno il presidente Miloš Zeman ha nominato primo ministro il suo consigliere Jiří Rusnok, che ora dovrà formare un governo ad interim “di esperti”. L’ex ministro delle finanze socialista sostituisce Petr Nečas, costretto a dimettersi il 17 giugno da uno scandalo di corruzione.
La decisione di Zeman delude le aspettative di quasi tutti i partiti rappresentati in parlamento. La coalizione di destra al potere sperava di poter imporre la sua candidata, Miroslava Němcová, mentre l’opposizione socialdemocratica chiedeva elezioni anticipate.
“Zeman ha cominciato a trasformare la democrazia parlamentare, garanzia per la costituzione, in un sistema presidenziale”, commenta Lidové Noviny. “Tutti i suoi predecessori hanno scelto un primo ministro capace di formare una maggioranza in parlamento, mentre ora il presidente ha completamente rotto con le convenzioni costituzionali esistenti”.

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento