Quasi 150 civili e un numero imprecisato di militari di entrambe le parti sono stati uccisi durante gli scontri in corso dal 27 settembre tra le forze armate dell'Azerbaigian e dell'Armenia nel Nagorno Karabakh (enclave rivendicata da Erevan in territorio azero) e nei dintorni. 

La Russia e la Turchia, potenze che rispettivamente esercitano un tutela su Armenia e Azerbaigian, sono intervenute per ridurre la tensione e, allo stesso tempo, evitare di essere trascinate nel conflitto. Da parte loro, i rappresentanti del "Gruppo di Minsk", che ha condotto colloqui di pace nella regione sin dal primo conflitto (1992-94) in seno all'Osce, hanno chiesto un immediato cessate il fuoco.

Newsletter in italiano

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento