Vignetta Arresto di Aleksey Navalnyj

Bentornato, Aleksey

Pubblicato il 20 Gennaio 2021 alle 12:51

“Per Aleksey Navalnyj

Le rose sono rosse, le viole sono blu, io ho cinque dita, il tuo è quello centrale…” 

Lo scorso 17 gennaio, non appena è sceso dall’aereo che lo conduceva da Berlino a Mosca Aleksey Navalnyj è stato arrestato, con un ordine di detenzione fino al 15 febbraio. L'oppositore politico del presidente russo Vladimir Putin è accusato di non aver rispettato le misure di sorveglianza recandosi all’estero. 

Navalnyj è stato in convalescenza per cinque mesi nella capitale tedesca dopo che era stato avvelenato o scorso agosto sul volo di ritorno a Mosca al termine di un tour elettorale in Siberia. Laboratori in Francia, Svezia e Germania hanno confermato che è stato avvelenato con Novitchok, un agente nervino militare russo. Mosca, nega ogni accusa e non ha aperto un'indagine penale. 

L’Alto commissariato Onu per i diritti umani ha chiesto il rilascio immediato di Navalnyj; la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ne ha condannato l'arresto. 

Noto per le sue prese di posizione anti-corruzione, Navalnyj è diventato "prigioniero di coscienza" di Amnesty International, e ha chiesto ai suoi sostenitori di manifestare in suo favore.


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento