Bruxelles toglie l’embargo sul petrolio dei ribelli

Pubblicato il 23 Aprile 2013 alle 13:11

Il 22 aprile l’Unione europea ha alleggerito le sanzioni contro le aree controllate dai ribelli siriani autorizzando il commercio del petrolio e dei suoi derivati, riferisce European Voice. Le aziende europee potranno comprare e vendere petrolio, fornire macchinari alle compagnie petrolchimiche e investire nel settore petrolifero, a condizione di ricevere l’approvazione del Consiglio nazionale siriano, spiega il sito web. L’embargo commerciale era stato imposto al regime di Bashar al Assad nel settembre 2011 per spingerlo a negoziare con i ribelli. Secondo EUobserver

Il parziale alleggerimento del regime di sanzioni, approvato su suggerimento della Germania, segna il primo passo indietro nelle sanzioni Ue. In ogni caso a breve termine la misura non dovrebbe favorire sensibilmente l’economia delle aree controllate dai ribelli. 
Prima dell’inizio del conflitto nel marzo 2011 l’Ue acquistava la quasi totalità del petrolio siriano, per un totale di 2,3 miliardi di euro nel 2010.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento