Che siano finalmente i ricchi a pagare

Per affrontare i loro debiti, i governi tassano le classi medie. Ma all’origine della crisi attuale sono soprattutto i cattivi investimenti – banche, settore immobiliare, debito pubblico – realizzati dai più ricchi. Da qui l’idea sostenuta dal liberale Der Tagesspiegel di far pagare i grandi patrimoni.

Pubblicato il 17 Agosto 2012 alle 15:52

Quest’anno il capo dei socialdemocratici Sigmar Gabriel si è di nuovo unito ai sindacati nel chiedere un aumento delle imposte per i più ricchi, allo scopo di distribuire in modo più equo il peso della crisi. Per Gabriel si tratta di “patriottismo sociale”. Dall’altro lato dello schieramento politico i cristiano-democratici e i liberali si sono affrettati a reagire per difendere le categorie più ricche, accusando il leader socialdemocratico di riproporre vecchi slogan socialisti.

Anche il dibattito politico ha assunto il carattere di vecchie schermaglie elettorali. Ma l’apparenza inganna. Ormai da molto tempo le disparità nella distribuzione dei redditi e delle ricchezze, che sono andate accentuandosi negli ultimi anni, non sono più una semplice questione di disuguaglianza. In realtà queste disparità sono una delle cause principali della crisi attuale.

Attraverso un’accumulazione di ricchezza sempre più importante nelle mani di una piccola minoranza, una percentuale sempre più importante del reddito nazionale alimenta una domanda in investimenti finanziari e non più in beni e servizi.

La popolazione europea più ricca investe il proprio denaro in obbligazioni bancarie, in società immobiliari e pubbliche. Si tratta di titoli che sono emessi in Irlanda, in Portogallo, in Grecia e in Spagna e sono accompagnati da alti tassi di interesse. In questo modo la classe più ricca ha finanziato gli enormi cattivi investimenti – costruzione di case e di autostrade che rimangono vuote, aberranti progetti di infrastrutture – che questi paesi non avrebbero mai potuto fare da soli.

I prestiti dei fondi di soccorso della zona euro servono solo ad aiutare questi stati e le loro banche a poter pagare i loro debiti presso i cattivi investitori. Non sono i tedeschi (o gli olandesi, i finlandesi e così via) che salvano i greci, gli irlandesi o gli spagnoli, ma i contribuenti delle classi medie europee che salvano il patrimonio dei ricchi europei.

In fin dei conti questi ultimi non contribuiscono affatto al finanziamento dei bilanci nazionali. I paesi della zona euro hanno creato un’unione monetaria, ma non hanno mai organizzato una politica fiscale comune e si sono impegnati in una corsa alla riduzione delle imposte per attirare il capitale. Il risultato è che le imposte sul reddito da capitale sono scese al loro livello più basso, mentre su scala europea le ricchezze private sono aumentate fino a raggiungere livelli equivalenti a due, tre volte i rispettivi debiti nazionali.

Di conseguenza riteniamo che i più ricchi debbano contribuire a pagare il prezzo di questi cattivi investimenti. Ma la questione è troppo importante per poter essere trattata nel quadro di una campagna elettorale nazionale. Inoltre si deve chiedere il cambiamento dell’attuale politica di “salvataggio”, che si è rivelata inefficace.

Finora gli esattori dell’Ue hanno chiesto ai paesi in crisi solo una riduzione delle prestazioni sociali e un aumento delle imposte a danno delle classi medie. Nel frattempo gli armatori greci, i magnati irlandesi del settore immobiliare e i super-ricchi spagnoli pagano delle imposte molto basse e mettono il loro denaro al sicuro nei vari paradisi fiscali.

La priorità di chi vuole salvare l’euro dovrebbe essere quella di lottare contro queste disfunzioni. Così i rappresentanti dell’impopolare “troika” europea potrebbero nonostante tutto diventare degli eroi.

Tassazione

L’attacco ai ricchi diventa globale

“Non è mai un buon segno quando i politici fanno appello al patriottismo dei contribuenti”, scrive Gideon Rachman sul Financial Times dopo l’annuncio del ministro francese Pierre Moscovici di un aumento fino al 75 per cento della tassazione per i più ricchi.

Ma sarebbe un errore definire l’amministrazione Hollande un dinosauro socialista. La verità è che il nuovo governo francese si posiziona all’estremità di una nuova tendenza globale: un attacco internazionale contro i più ricchi che sta rimodellando la politica dall’Europa agli Stati Uniti, passando per la Cina […]

Il presidente statunitense Barack Obama sta accumulando un capitale politico in vista delle elezioni di novembre promettendo di tassare “milionari e miliardari” e sta dipingendo il suo rivale repubblicano Mitt Romney come un rappresentante dell’élite risparmiata dalle tasse. […]

In definitiva questa nuova tendenza potrebbe innescare un contraccolpo politico. I politici occidentali, da Barack Obama a François Hollande, stanno cercando di catturare e incanalare l’umore dell’opinione pubblica […]

Se questo nuovo modello si radicalizzerà potrebbe segnare la fine di un’era di imposte leggere, deregolamentazione e crescente diseguaglianza iniziata alla fine degli anni Settanta con l’ascesa di Margaret Thatcher e Ronald Reagan in occidente e di Deng Xiaoping in Cina.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento