Bei discorsi

Pubblicato il 22 Novembre 2022 alle 18:25

Domenica 20 novembre si è conclusa la COP27 a Sharm el-Sheikh, in Egitto, dopo due settimane di difficili negoziati. L'accordo finale, che è stato concluso dopo i “tempi supplementari” ed è firmato dai rappresentanti di quasi 200 paesi, rappresenta comunque un progresso storico sulla questione del “loss and damage”.

Aggiunta tardivamente all'ordine del giorno, la questione di come i paesi ricchi debbano risarcire i danni subiti da quelli più poveri, le principali vittime del cambiamento climatico, è stata al centro delle discussioni. La creazione di un fondo per i paesi vulnerabili, che sarà finanziato dai paesi più ricchi e sarà operativo a partire dal 2023, è stata salutata ampiamente.

Ma una Conferenza delle Parti non è una COP senza delusioni. Il testo finale è stato accusato di essere poco ambizioso per quanto riguarda, tra l'altro, l'uscita dai combustibili fossili. Altri hanno deplorato la mancanza di cooperazione di alcuni grandi paesi inquinatori, o il comportamento dell'Egitto e lo scarso spazio dato alla società civile durante i negoziati.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento