“La più grande epidemia di monkeypox mai vista in Europa”: come l’Ue affronta il vaiolo delle scimmie

Da maggio a settembre si sono registrati oltre 18mila casi di monkeypox, l’ormai famoso vaiolo delle scimmie. I paesi più colpiti sono Spagna, Francia, Germania e Paesi Bassi, Portogallo e Italia. L’inchiesta, dati alla mano, su contagi, contromisure e vaccinazioni, realizzata in collaborazione dai partner di EDJNet guidati dagli spagnoli di Civio.

Pubblicato il 14 Settembre 2022 alle 14:47

L’improvvisa comparsa del vaiolo delle scimmie al di fuori delle sue regioni endemiche, in Africa centrale e occidentale, ha sorpreso il mondo. Sebbene non fosse la prima volta che il virus si diffondeva altrove, la portata dell'attuale crisi sanitaria è senza precedenti. Dall'inizio di maggio all'inizio di settembre, sono stati segnalati almeno 18.800 casi nell'Unione europea attraverso il Sistema di Sorveglianza europeo (TESSy). Si tratta della più grande epidemia di questo virus mai vista in Europa, dove pochi paesi erano ben preparati.

"Nessuno si aspettava una trasmissione all'interno dell'Europa o degli Stati Uniti, senza che [un paziente] avesse viaggiato o che il suo partner o amico avesse viaggiato", afferma Mar Faraco, presidente dell'Associazione spagnola dei medici stranieri. Per il momento, i Paesi più colpiti nell'Ue sono Spagna (6.749 casi), Francia (3.645), Germania (3.505), Paesi Bassi (1.172), Portogallo (871) e Italia (787), mentre il Regno Unito, dove sono stati individuati i primi pazienti di questa epidemia, ha riportato 3.484 casi nello stesso periodo.

Il vaiolo delle scimmie è causato da un virus simile a quello del vaiolo, che l'Oms ha certificato essere stato eradicato nel 1979. Tuttavia, mentre il vaiolo ha accompagnato la nostra specie per secoli, i ricercatori hanno confermato per la prima volta la trasmissione del vaiolo delle scimmie tra gli esseri umani nel 1970

Da allora, il vaiolo delle scimmie ha guadagnato terreno, anche se senza le tragiche conseguenze del vaiolo. "Il virus del vaiolo aveva un tasso di mortalità del 30 per cento e decimava intere popolazioni", spiega Esteban, mentre il tasso di mortalità del vaiolo delle scimmie è compreso tra l'1 e il 10 per cento. Secondo una prima analisi dei ricercatori dell'Istituto di Salute Carlos III, l'attuale epidemia sembra essere causata dalla variante meno virulenta.

"Il fatto che si verifichino casi come questo, che si stanno manifestando in diversi paesi, è sorprendente", afferma il virologo Mariano Esteban, del Centro Nazionale di Biotecnologia (CNB-CSIC). Tuttavia, afferma che la situazione "è molto diversa" rispetto all'inizio della pandemia COVID-19, poiché esistono test diagnostici, farmaci antivirali come il Tecovirimat e, soprattutto, vaccini. Il vaiolo delle scimmie è stato per anni una malattia trascurata che ha colpito soprattutto l'Africa, il che spiega perché molti paesi europei non avevano mezzi adeguati per controllare questa epidemia.

Un vaccino tanto richiesto quanto limitato

La maggior parte dei casi rilevati in questa epidemia "si è presentata con sintomi da lievi a moderati" e i pazienti generalmente guariscono dopo alcune settimane. Tuttavia, per prevenire la diffusione della malattia e mitigarne la gravità, le autorità europee hanno proposto di vaccinare i contatti stretti di un caso confermato entro i primi quattro giorni. All'inizio di luglio, il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie ha raccomandato di vaccinare anche i gruppi più a rischio: alcuni gruppi di uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e gli operatori sanitari.

Tuttavia, questo sarà difficile da realizzare a causa della scarsità di vaccini. Una delle opzioni è l'Imvanex, un vaccino di terza generazione, autorizzato in Europa contro il vaiolo e, negli Stati Uniti, dove si chiama Jynneos, è autorizzato anche per il vaiolo delle scimmie. Questa iniezione ha molti meno effetti collaterali rispetto ai vaccini precedenti, il che spiega perché l'Imvanex è il vaccino più ambito.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Ma c'è un problema: è prodotto solo da una piccola azienda farmaceutica chiamata Bavarian Nordic, il che significa che la disponibilità è limitata. La Germania ha ordinato 40.000 vaccini a giugno e altri 200.000 saranno consegnati entro la fine dell'anno. La Commissione europea, attraverso la neonata European Authority for Preparedness and Response to Health Emergencies  (HERA), ha acquistato d'urgenza 163.620 dosi a luglio e altre 170.920 a settembre, portando il numero totale di dosi acquistate a 334.540. Civio ha chiesto alle autorità europee e nazionali il prezzo unitario pagato per l'Imvanex, senza ricevere risposta.

In Europa, la formula è simile a quella adottata per la pandemia di COVID-19 (un acquisto congiunto per garantire la fornitura), anche se con un'eccezione: questa volta il pagamento avviene tramite fondi europei. Diversi paesi dell'Ue hanno dichiarato a Civio di aver richiesto i vaccini a HERA, che dà priorità alla distribuzione in base all'impatto del virus.

Questa soluzione tardiva – le prime dosi sono arrivate settimane dopo l'inizio dell'epidemia – allevierà la mancanza di vaccini Imvanex in molti paesi europei. "La vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie sarà limitata a casi molto specifici, poiché la trasmissibilità e il rischio del virus non sono paragonabili a quelli del Covid", afferma Stefan De Keersmaecker, portavoce dell'area salute della Commissione europea.

Preparazione varia ma insufficiente

Solo i Paesi Bassi e la Francia riferiscono di aver avuto scorte strategiche di vaccini Imvanex prima dell'epidemia. Un portavoce del Ministero della Salute olandese sottolinea che nel 2019, quando il vaiolo delle scimmie non sembrava una minaccia diretta, hanno acquistato 100.000 dosi di Imvanex, quasi tante quante quelle ora acquistate dall'Ue. I Paesi Bassi hanno poi venduto un piccolo numero di questi vaccini a Danimarca e Spagna, che non ne avevano. Anche le autorità francesi confermano che la loro riserva nazionale dispone di dosi di Imvanex, insieme ad altri vaccini di prima e seconda generazione. La loro disponibilità, spiegano, fa parte del "piano del governo per rispondere al rischio di recidiva del vaiolo".

La strategia di entrambi i paesi è simile a quella degli Stati Uniti, anche se con quantità molto più ridotte: nel 2012 l'amministrazione Obama ha acquistato venti milioni di dosi per la sua riserva nazionale, che quest'anno si è ampliata con mezzo milione in più. Chi si occupa di pianificazione dei rischi teme da sempre che il vaiolo, e non il monkeypox, potesse essere utilizzato in un attacco bioterroristico. Questi timori sono aumentati dopo gli attentati dell'11 settembre e sono cresciuti di nuovo durante una delle prime grandi epidemie di vaiolo delle scimmie al di fuori dell'Africa, che nel 2003 ha causato 47 casi confermati o probabili negli Stati Uniti.

Questi pericoli hanno portato molti paesi a includere i vaccini antivaiolosi nelle loro scorte strategiche, anche se non comprendevano vaccini di ultima generazione come quelli dell'Imvanex. È il caso di Spagna, Belgio, Polonia, Portogallo e Slovacchia, le cui riserve in alcuni casi includono vaccini di seconda generazione come l'ACCAM 2000. Anche in Germania e in Italia esistono scorte, ma le autorità non specificano il tipo di vaccino. Questa mancanza di trasparenza è maggiore in Irlanda, Lussemburgo e Svezia, dove le informazioni sono riservate per motivi di sicurezza nazionale.

All'altro capo dell'Europa ci sono Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Slovacchia e Slovenia, che dichiarano di non aver fatto scorte di vaccini antivaiolosi. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha invece una riserva di emergenza di 2,4 milioni di dosi a Ginevra e altri 31 milioni di vaccini conservati in Francia, Germania, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti. Le scorte comprendono unità Imvanex e vaccini di prima e seconda generazione, anche se, per il momento, l'OMS non conosce la quantità di ciascuno di essi, afferma Sylvie Brand, direttrice dell'Oms per la preparazione ai rischi globali di origine infettiva.

Una profezia avverata

Questa epidemia di vaiolo delle scimmie è stata una sorpresa, ma non era affatto inaspettata. Gli operatori della sanità pubblica temevano che, una volta debellato il vaiolo e terminate le campagne di immunizzazione di massa, virus simili avrebbero infettato le persone prive di protezione. In effetti, uno studio osservazionale condotto negli anni '80 nell'attuale Repubblica Democratica del Congo ha stimato che la vaccinazione contro il vaiolo offriva una protezione dell'85 per cento contro il vaiolo delle scimmie. Tuttavia, quando il vaiolo è scomparso, l'Oms ha raccomandato ai paesi di interrompere la vaccinazione a causa degli effetti collaterali dei vaccini e dei costi significativi dei programmi di immunizzazione.

Tuttavia, lo stesso studio avvertiva anche che "l'entità e la durata media delle epidemie di vaiolo aumenteranno man mano che la protezione derivata dal vaccino diminuirà nella popolazione". Questo primo avvertimento non è caduto nel vuoto. Un altro studio, pubblicato nel 2012 sulla rivista scientifica PNAS, e una recente revisione sistematica sulla rivista scientifica PLOS Neglected Tropical Diseases hanno espresso una crescente preoccupazione per un potenziale aumento dei casi di vaiolo delle scimmie. Queste profezie si sono finalmente avverate.

In Europa, dove la maggior parte dei paesi ha smesso di vaccinare contro il vaiolo umano tra gli anni '70 e '80, un gran numero di persone è ora vulnerabile a questi virus. "La popolazione è suscettibile; la maggior parte ha meno di 50 anni. Ciò significa che sono un ottimo ospite per il virus [del vaiolo delle scimmie], senza alcuna resistenza", afferma il virologo Mariano Esteban. "È l'opposto del caso abituale", afferma Faraco, "È una malattia in cui gli anziani saranno più protetti dei giovani".

I dati pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) confermano questo schema. Dei 6.776 casi analizzati fino alla metà di luglio, l'89,51 per cento aveva meno di 50 anni. "Questo implica che coloro che sono vaccinati contro il vaiolo devono essere protetti, ma non lo sappiamo ancora con certezza", spiega Esteban.

Il motivo è che i vecchi vaccini erano "molto buoni, con effetti collaterali significativi, ma hanno eradicato il vaiolo", dice Faraco. Anche se da allora non si è più verificata una vera e propria epidemia di vaiolo, gli operatori sanitari sperano che i vaccini continuino a fornire un'immunità di lunga durata. La maggior parte dei casi aveva tra i 31 e i 40 anni (40 per cento) ed era di sesso maschile (98,6 per cento), osserva l'ECDC.

Dei 9.682 casi maschili con orientamento sessuale noto, il 97 per cento "si è auto-identificato come uomo che ha rapporti sessuali con altri uomini", anche se chiunque viva con qualcuno che ha il vaiolo è a rischio, a prescindere dal comportamento sessuale: il vaiolo si diffonde da persona a persona attraverso il contatto ravvicinato con qualcuno che ha un'eruzione cutanea da vaiolo.

L'Africa è, come sempre, la terra dimenticata

L'epidemia causata da questo virus dimenticato offre anche un'altra importante lezione. Per anni, il vaiolo delle scimmie è sembrato colpire solo i paesi africani in cui si trasmette più frequentemente, come la Repubblica Democratica del Congo, la Nigeria o il Camerun. "È importante aiutare nei territori in cui si trovano questi agenti patogeni, migliorando le misure profilattiche, cercando vaccini e trattamenti efficaci", afferma Jacob Lorenzo-Morales, professore di Parassitologia all'Università di La Laguna e direttore dell'Istituto Universitario di Malattie Tropicali e Salute Pubblica delle Isole Canarie, nelle dichiarazioni rilasciate al Science Media Centre España.

"Quando salta nei paesi più avanzati provoca un allarme sociale, frutto del panico della società, che pensa che i virus capitino agli altri, che si trovino nella giungla o in altri ambienti, e che noi ne siamo esenti", afferma Esteban. Dal 2022, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie in Africa hanno documentato 1.715 casi, tra pazienti sospetti e confermati, e 73 morti a causa di questo virus.

"Tranne quando un viaggiatore [infetto] ha lasciato quei paesi, nessuno si è preoccupato dei casi in loco", afferma Faraco. La strategia migliore sarebbe quella di monitorare il vaiolo delle scimmie dove rimane endemico, il che aiuterebbe a contenere le infezioni e i decessi in quei luoghi e a prevenire l'impatto su altre regioni, afferma Faraco: "Probabilmente risolverebbe molti dei focolai, ma non è stato fatto".

👉 Articolo originale su Civio
In collaborazione con European Data Journalism Network

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento