I croati condannati per i crimini di guerra in Bosnia

Pubblicato il 30 Maggio 2013 alle 13:32

Cover

Centoundici anni di prigione per sei ex politici e militari croati di Bosnia. Il 29 maggio sono stati riconosciuti colpevoli di aver messo in atto tra il 1992 e il 1994 un piano per espellere i musulmani e creare la Herzég Bosna, un’entità croata in Bosnia-Erzegovina basata sulle frontiere del 1939 da annettere alla Croazia. Il tribunale penale per l’ex Jugoslavia ha condannato “un attacco criminale”, annuncia Novi list in prima pagina. Il quotidiano di Rijeka precisa che “la Croazia è stata riconosciuta colpevole di aggressione in Bosnia-Erzegovina”, e il verdetto colpisce anche l’ex presidente Franjo Tudjman, il suo ministro della difesa Gojko Šušak e il generale Janko Bobetko.

Dopo la sentenza, sottolinea Novi List,

l’opinione pubblica dovrà ammettere ciò che rifiuta da vent’anni, ovvero che sono stati commessi crimini. La catarsi non arriverà fino a quando non avremo capito che ciò che è successo non sarebbe dovuto succedere e che i più alti funzionari dello stato croato hanno le loro colpe. È immorale nascondere la testa nella sabbia a un mese dall’adesione della Croazia all’Unione europea, sostenendo che oggi viviamo in uno stato diverso rispetto al 1993 e la società è molto più moderata.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Jutarnji List parla di “inquietudine a Zagabria” e “collera a Mostar”, la capitale dei croati di Bosnia. Il quotidiano di Zagabria ricorda che “i crimini commessi dall’Hvo (la milizia dei croati di Bosnia-Erzegovina) erano risaputi”, e “la guerra tra croati e bosniaci è stata condotta da Zagabria dal punto di vista militare, logistico e in una certa misura anche politico”.

Tuttavia Jutarnji List sottolinea che “il verdetto del tribunale dell’Aia apre interrogativi importanti”

Innanzitutto bisogna domandarsi (almeno fino al processo d’appello) se il tribunale ha condannato i veri colpevoli, e in secondo luogo stabilire se si è trattato davvero di un attacco criminale. […] Il conflitto in Bosnia-Erzegovina, infatti, è stato particolarmente complesso: da un lato l’intervento militare contro l’esercito bosniaco ha effettivamente avuto luogo, ma dall’altra la Croazia ha accolto duecentomila rifugiati bosniaci, e l’esercito bosniaco è stato armato dal territorio croato.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento