“Il parlamento ha deciso che i contributi saranno subordinati al lavoro”

Pubblicato il 27 Novembre 2013 alle 11:48

Cover

“I contributi d’emergenza da gennaio bisognerà meritarseli”, annuncia Pravda. Il 26 novembre il parlamento ha messo in minoranza il veto del presidente Ivan Gašparovič sulla legge che introduce l'obbligo di lavoro per i beneficiari dei contributi per i più poveri.
A partire dal primo gennaio 2014 sarà necessario svolgere 32 ore di “lavori socialmente utili” al mese per ricevere 61,60 euro al mese. Gašparovič aveva rifiutato di firmare la legge approvata a fine ottobre a causa della sua possibile incostituzionalità, dato che si ispira a una legge adottata in Repubblica Ceca nel 2012 e poi bocciata dalla corte costituzionale che aveva parlato di “lavori forzati”*.
Il quotidiano ricorda però che la legge sui contributi è sostenuta da gran parte dell'opposizione di destra e da un rappresentante della comunità rom.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento