In piazza contro i tagli

Pubblicato su 12 Novembre 2009 alle 14:09

Cover

A due anni di distanza dall’inizio della recessione, in Irlanda non c’è quasi traccia degli anni d’oro della crescita a due cifre, e sembra di ritrovarsi al punto di partenza: disoccupazione ed emigrazione di massa, treni che impiegano quattro ore a coprire i 200 chilometri da una costa all’altra. Dopo i drastici tagli ai servizi pubblici preannunciati nel bilancio per il 2010, mirati a dare impulso a un’economia in forte recessione (-7,5 per cento previsto nel 2009), l’umore è quanto mai a terra. L’Irish Times racconta la manifestazione che si è svolta ieri a Dublino, una delle tante proteste che dilagano nel paese e che culmineranno con lo sciopero dei servizi pubblici nazionali fissato per il 24 novembre. Benché la Commissione europea stia concedendo all’Irlanda una proroga di un anno per rimettere in sesto le proprie finanze pubbliche, come previsto dagli accordi, il premier Brian Cowen è inflessibile e afferma che è necessario intervenire subito se si vogliono evitare in futuro “aggiustamenti di maggiore entità”.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento