“Kiev fa una proposta indecente all’Ue”

Pubblicato il 12 Dicembre 2013 alle 11:22

Cover

“L’Ucraina chiede all’Ue un aiuto finanziario per 20 miliardi di euro” in cambio della firma dell’accordo di associazione con l’Unione che il presidente ucraino Viktor Janukovyč aveva rifiutato durante il vertice di Vilnius del 28 e 29 novembre, riporta Die Welt.
Il primo ministro ucraino Mykola Azarov ha spiegato che “la vicenda potrebbe risolversi con un aiuto finanziario”. Secondo il governo tedesco, aggiunge il quotidiano, “Janukovyč prova a mischiare le carte in tavola per non ammettere di essere il responsabile della situazione” del suo paese. Die Welt accusa il presidente ucraino di “voler fare il furbo”:

Da tempo Janukovyč prova a tamponare i suoi problemi finanziari cercando nuovi donatori abbastanza idioti da abboccare ai suoi trucchi. Janukovyč promette di firmare l’accordo se Bruxelles aiuta l’Ucraina con 20 miliardi di euro. È una richiesta audace. Equivale all’impertinenza di un uomo a cui viene offerta una Porsche ma non l’accetta perché vuole anche una villa. Se l’Unione pagasse 20 miliardi, Kiev chiederebbe subito altro denaro. Contare su Janukovyč è come contare su un’ondata di caldo in pieno inverno.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento