Vignetta Diritti LGBT In Ungheria

Omofobia

Pubblicato il 23 Giugno 2021 alle 13:41

Il 15 giugno, il Parlamento ungherese ha approvato un disegno di legge volto a potenziare la lotta contro la pedofilia che include un articolo secondo il quale “i contenuti che raffigurano la sessualità fine a se stessa, il cambiamento di genere e l’omosessualità non devono essere messi a disposizione delle persone di età inferiore ai 18 anni”. L’opposizione ha boicottato il voto, ad eccezione del partito di estrema destra Jobbik. Una volta promulgata dal Capo dello Stato, la legge si applicherà ai media, all’editoria e alla pubblicità.

La legge riflette la posizione conservatrice del governo nazionalista di Viktor Orbán che, dal suo arrivo al potere, ha tentato di limitare i diritti delle persone LGBTIQ+ in Ungheria. Prima dell’avvento al potere del suo partito, la Fidesz, l’Ungheria era un Paese piuttosto progressista: l’omosessualità è stata depenalizzata agli inizi degli anni ‘60 e le unioni civili riconosciute nel 1996.

Amnesty International denuncia una legge “omofoba e transfobica” che “stigmatizza ulteriormente le persone LGBTIQ+, esponendole a discriminazioni maggiori in un ambiente già ostile”. Il 22 giugno, 14 Paesi dell’Ue hanno espresso la loro “profonda preoccupazione” per l’adozione di questa legge, che hanno accusato di “violare la libertà di espressione con il pretesto di proteggere i bambini”.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

LIVE: raccontare la crisi dei rifugiati, sul campo

Il giornalista bielorusso Anton Trafimovitch e il greco Stavros Malichudis hanno raccontato per Voxeurop la situazione dei rifugiati in Europa e alle sue frontiere, in Grecia e Bielorussia. Una discussione sul lavoro del giornalista sul campo, in un momento in cui l’Europa fortezza si chiude ulteriormente.

Vedi l'evento >

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento