Attualità Guerra e cultura

La Russia sta distruggendo il patrimonio storico e culturale dell'Ucraina

Dall’invasione russa dell’Ucraina centinaia di siti parte del patrimonio culturale del paese sono stati distrutti e migliaia di rari manufatti storici rubati.

Pubblicato il 9 Giugno 2022 alle 11:08
Questo articolo è riservato ai nostri membri

Nel 1937 Pablo Picasso, riconosciuto come uno dei più grandi pittori della storia, dopo aver visitato una mostra a Parigi disse: "Mi inchino davanti al miracolo artistico di questa geniale ucraina".

Picasso stava parlando della pittrice popolare Marija Prymačenko e dei suoi dipinti in stile "arte naïf".85 anni dopo, il 26 febbraio 2022, una collezione di 25 opere di Marija Prymačenko ha rischiato di essere distrutta dal fuoco  dell'esercito russo contro un museo di Ivankovo, villaggio nell'oblast (regione) di Kiev.

Gli altri oggetti esposti nel museo, come le opere della ricamatrice ucraina Hanna Veres, non sono sopravvissuti all'incendio. "Putin vuole distruggere il patrimonio e la cultura europei, cancellarli dalla faccia della terra", ha dichiarato all'inizio di marzo il ministro della cultura ucraino, Oleksandr Tkachenko.

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, centinaia di siti del patrimonio culturale del paese sono stati distrutti e migliaia di reperti storici rari rubati.

In data 27 maggio il ministero della cultura ucraino ha documentato 367 crimini di guerra contro il patrimonio culturale, tra cui la distruzione di 29 musei, 133 chiese, 66 teatri e biblioteche e persino un cimitero ebraico secolare. Si tratta del cimitero a Hlukhiv, nell'oblast di Sumy, luogo di pellegrinaggio per gli ebrei, che è stato colpito da due missili russi l'8 maggio.

"I russi hanno il preciso obiettivo di distruggere la nostra cultura come parte della nostra identità, qualcosa che distingue l'Ucraina dalla Russia", ha dichiarato a Bloomberg Olha Honchar, cofondatrice del Museum Crisis Center ucraino, la cellula di crisi che si occupa dei musei. "È ormai chiaro a tutto il mondo che la Russia bombarda musei, archivi e teatri di proposito".

Un’ondata di distruzione

La distruzione del museo di Ivankovo era solo l'inizio. I bombardamenti russi hanno distrutto molti artefatti emblematici del passato storico della nazione. In tre mesi di guerra, l'oblast di Kharkiv, che confina con la Russia, ha registrato il maggior numero di danni alle opere d'arte e ai monumenti: stando ai dati di metà maggio, un quarto dei crimini contro il patrimonio culturale sono stati registrati qui. 


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


La maggior parte dei crimini, ben 79, sono avvenuti proprio a Kharkiv, il capoluogo della regione e la seconda città più grande dell'Ucraina. All'inizio di marzo, un incendio provocato di russi ha distrutto le finestre del Museo delle Belle arti di Kharkiv, che ospitava 25mila capolavori di artisti ucraini e internazionali.

Una versione del famoso dipinto La risposta dei cosacchi dello Zaporož'e al sultano Mehmed IV di Turchia dell'artista ucraino Ilya Repin è stata evacuata dal museo, secondo quanto dichiarato da Marina Filatova, responsabile del dipartimento di arte straniera. La versione principale del dipinto si trova in un museo in Russia, come molte opere d'arte ucraine risalenti ai tempi dell'Impero russo.

Lo stato di molti altri dipinti rari e antichi esposti nel museo potrà essere accertato solo dopo la guerra, che gli impiegati hanno dovuto rimuoverli dalle pareti in fretta e furia.

La notte del 7 maggio missili russi hanno colpito il museo e la casa del famoso poeta e filosofo ucraino Hryhorij Skovoroda, situata nel paesino di Skovorodynivka, nell'oblast di Kharkiv. L'edificio è stato gravemente danneggiato e alcuni preziosi reperti sono rimasti sepolti sotto le macerie.

"Nemmeno i terroristi immaginano di colpire i musei con missili teleguidati", ha detto il presidente Volodymyr Zelensky in risposta alla distruzione. "E questo è l’esercito contro il quale combattiamo".

Alcune delle devastazioni peggiori hanno colpito la città di Mariupol, nell'oblast di Donetsk: qui si sono registrati danni e perdite a 53 siti storici, tra cui il teatro, costruito alla fine del 1880. La stessa bomba, il 16 marzo ha ucciso almeno 600 civili che si erano rifugiati all’interno del teatro.  


Il ministero della cultura ucraino ha documentato 367 crimini di guerra contro il patrimonio culturale, tra cui la distruzione di 29 musei, 133 chiese, 66 teatri e biblioteche e persino un cimitero ebraico secolare


Un mese dopo, il consiglio comunale ha riferito che i soldati di Mosca avevano saccheggiato una collezione unica di 700 pezzi di monete e medaglie da un museo di Mariupol per trasferirle nella parte dell'oblast di Donetsk occupata dai russi.

Anche il museo d'arte intitolato ad Arkhip Kuindzhi, un famoso pittore paesaggista di origine greca nato a Mariupol, è stato svaligiato. Il 27 aprile i russi hanno prelevato dal museo tutti gli oggetti di valore, tra cui tre dipinti di Kuindzhi e Vicino alle rive del Caucaso, un dipinto orig…

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento