Vignetta Conflitto israelo-palestinese

Tavolo della pace

Pubblicato il 19 Maggio 2021 alle 14:05

Più di 200 civili palestinesi (secondo fonti palestinesi), tra cui circa 60  bambini, sono stati uccisi nella Striscia di Gaza e altri 20 in Cisgiordania, durante i bombardamenti lanciati dall’esercito israeliano dal 10 maggio in risposta al lancio di razzi da Gaza su Israele da parte del movimento islamista Hamas e del Jihad islamico, che hanno provocato la morte di 12 israeliani, tra cui un bambino.

L’attacco di Hamas è arrivato dopo che centinaia di manifestanti palestinesi sono stati feriti in scontri con la polizia israeliana sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme Est. Le proteste hanno seguito  l’espulsione decisa dal governo di Beyamin Netanyahu, di famiglie palestinesi a beneficio dei coloni israeliani in questa zona palestinese occupata da Israele da oltre 50 anni.

Dopo il silenzio mantenuto fino ad ora, il 18 maggio l'Europa ha chiesto “la fine immediata di ogni violenza e l’attuazione di un cessate il fuoco”. La posizione è stata adottata da 26 dei 27 stati membri. L’Ungheria si è opposta.

Abbònati alla newsletter di Voxeurop in italiano


Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento