Parlamento europeo

Un premio all’ipocrisia

Pubblicato il 14 Dicembre 2011 alle 14:12

"L'Europa ripulisce la sua immagine con il premio Sakharov", scrive El Mundo. Il premio del Parlamento europeo per le libertà di espressione è stato assegnato a cinque militanti dei movimenti di rivolta arabi. A ritirare il premio a Strasburgo erano presenti il libico Ahmed el Senoussi, che ha trascorso 31 anni nelle carceri di Muammar Gheddafi, e la militante egiziana Asmaa Mahfouz, esponente del movimento del 6 giugno. Gli altri vincitori non hanno potuto partecipare alla cerimonia: la blogger siriana Razan Zeitouneh vive infatti in clandestinità, mentre il vignettista siriano Ali Farzat è stato costretto a fuggire in Kuwait dal regime di Bashar al Assad. Il quinto vincitore è Mohamed Bouazizi, la cui morte ha innescato la rivoluzione tunisina.

Secondo il quotidiano spagnolo "l'Europa ha chiuso un occhio per anni sulle dittature arabe", e i premi di quest'anno "testimoniano il senso di colpa" dell'Ue. Tuttavia, nonostante la condanna della repressione in Siria da parte del Parlamento europeo, "Bruxelles non ha ancora concordato una linea univoca contro il regime di Assad. L'Ue deve fare molta strada per sostenere in maniera adeguata il processo democratico nel mondo arabo", conclude El Mundo.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento