Che fine ha fatto l'ospite internazionale?

Una volta il piccolo schermo pullulava di format e artisti provenienti da altri paesi europei, ricorda con nostalgia lo storico Nils Minkmar. Oggi invece le frontiere si aprono, ma le porte delle tv si chiudono.

Pubblicato il 8 Gennaio 2010 alle 15:06
Li riconoscete? Presseurop

Chi è cresciuto con la televisione conosce l'Europa: Praga grazie a “Pan Tau”, lo Yorkshire attraverso la serie della Bbc “All creatures great and small”, e le brevi e calde estati di Småland grazie a Pippi Calzelunghe. Anche gli spettacoli, i talk-show e i giochi televisivi erano un tempo orgogliosi di avere ospiti “dall'estero”, presentati calorosamente come “star di fama mondiale” solo per aver cantato una volta a Montreux. I presentatori che sapevano scendere le scalinate del palcoscenico salutando il pubblico in più lingue erano considerati i più chic. Oggi anche solo parlare l'alto-tedesco potrebbe essere un ostacolo alla carriera.

[…] **Questo articolo è stato ritirato su richiesta del titolare del copyright.**

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento