La piattaforma Deepwater Horizon dopo l'esplosione del 21 aprile 2010.

L'assalto alla Bastiglia del petrolio

La catastrofe ambientale nel golfo del Messico è una minaccia per l'intero pianeta. Per cambiare il nostro modello di sviluppo, dobbiamo riscoprire il sole e portare avanti una vera rivoluzione energetica, sostiene il sociologo tedesco Ulrich Beck.

Pubblicato il 14 Luglio 2010 alle 14:14
La piattaforma Deepwater Horizon dopo l'esplosione del 21 aprile 2010.

La marea nera provocata dall'esplosione della Deepwater Horizon sta alimentando una delle più gravi catastrofi ambientali della storia degli Stati Uniti. Perché allora non assistiamo a un assalto alla Bastiglia delle grandi compagnie petrolifere? Perché non reagiamo ai problemi più cruciali del nostro tempo – come la crisi ambientale e il cambiamento climatico – con la stessa fermezza, lo stesso idealismo e lo stesso spirito democratico mostrato in passato contro tragedie come la tirannia, la miseria e la guerra? La situazione dell'industria petrolifera ricorda molto quella dell'Ancien Régime poco prima della sua caduta.

[…] **Questo articolo è stato ritirato su richiesta del titolare del copyright.**

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento