Reportage Migranti bloccati alle porte dell'Europa | Bosnia-Erzegovina e Croazia
Bihac, Bosnia ed Erzegovina, il 12 febbraio 2021. Dopo la chiusura del campo di Bira nel settembre 2020, circa 150 migranti provenienti dall'Afghanistan vivono in una ex fabbrica abbandonata. | Foto: Jeanne Frank

Per la fortezza Europa, il capolinea è Sarajevo

Entrare nell'Ue passando dalla Croazia è sempre più pericoloso per i migranti in arrivo Medio Oriente e dal Nord africa: senza risorse, vittime di violenza da parte della polizia croata, con il governo bosniaco che impedisce alle Ong di fornire assistenza, le persone in transito sopravvivono con lavori saltuari o sprofondano nell'apatia e nella droga.

Pubblicato il 23 Dicembre 2021 alle 13:00
Bihac, Bosnia ed Erzegovina, il 12 febbraio 2021. Dopo la chiusura del campo di Bira nel settembre 2020, circa 150 migranti provenienti dall'Afghanistan vivono in una ex fabbrica abbandonata. | Foto: Jeanne Frank

È notte a Sarajevo. Alti edifici grigi circondano la piazza della stazione centrale degli autobus e le luci del ćevapčići "Zmaj" (ristorante di carne tritata alla griglia) e dei bar si affievoliscono nel buio. Un piccolo gruppo di volontari di organizzazioni internazionali arriva in silenzio: aspettano l'ultima corsa da Tuzla (Bosnia-Erzegovina). Fa freddo, i movimenti sembrano più lenti e pesanti. Quindici adulti e tre bambini tra i cinque e i dieci anni scendono dall'ultimo autobus. Il loro viaggio è iniziato in Afghanistan, Pakistan ed Egitto: cercano un posto dove trascorrere la notte.

I volontari si avvicinano con gentilezza ai nuovi arrivati, cercano soluzioni per trovare loro un alloggio sicuro. Generalmente, l’OIM, Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, non fornisce assistenza agli uomini che viaggiano da soli, ma solo a poche famiglie", dice Salma, una volontaria spagnola che lavora per Basis BIH. I volontari contattano un altro gruppo di supporto in città, e dopo qualche discussione si dividono, ognuno accompagnato da due o tre migranti. Gli imam rompono le quiete con la chiamata alla preghiera dai minareti che si stagliano alti nella notte. 


👉Tutti gli articoli dell’inchiesta


Nella parte ovest della città, vicino a una grande moschea, alcuni volontari scaricano dei camion e allestiscono uno stand per fornire vestiti ai migranti bloccati a Sarajevo. Di notte, distribuiscono sacchi a pelo per affrontare l’inverno. "Abbiamo restaurato i muri di alcune case abbandonate e messo delle stufe in modo che le persone bloccate qui possano avere un tetto sotto il quale dormire", dice Hans, un giovane volontario tedesco. Alcune persone che arrivano hanno il viso segnato da cicatrici e si tengono le braccia in segno di dolore. Arrivano dal confine croato, dopo essere stati respinti dalle forze di polizia.

"Se ti senti a tuo agio puoi provare a spiegarci quello che è successo durante il tuo ultimo tentativo", dice Anja del Border Violence Monitoring Network (BVMN), a un migrante. Il BVMN è un'organizzazione con sede in Germania il cui obiettivo è raccogliere il maggior numero possibile di testimonianze sui respingimenti illegali che avvengono regolarmente alle frontiere europee. 

A dicembre 2020, il BVMN ha pubblicato Il libro nero dei respingimenti che contiene oltre 12mila testimonianze sulle violenze della polizia. Inoltre, alcuni rapporti pubblicati nel 2021 stimano che dall'inizio della pandemia circa 18mila persone sono state respinte alle frontiere orientali dell'Ue, soprattutto dalla polizia croata.

Nel corso degli anni "la violenza è diventata sempre più organizzata", dice Simon del BVMN. "Inizialmente, le forze dell'ordine respingevano semplicemente le persone. Adesso la polizia, specialmente quella croata, mette in atto tattiche specifiche e brutali, volte a terrorizzare e ferire i migranti". Come? Si va dal riportare i migranti al confine, dove poliziotti in uniformi nere e passamontagna li aspettano nelle foreste con bastoni e altri arnesi, fino al privare i migranti dei loro vestiti nel freddo della notte e a costringerli a tornare in Bosnia senza scarpe né giacche. Questa violenza sistemica è arrivata alla conoscenza dell'opinione pubblica alla fine di novembre scorso, quando la Corte europea dei diritti dell'uomo ha dichiarato la Croazia colpevole di aver causato la morte di una bambina di sei anni, dopo che la piccola è stata respinta insieme alla  famiglia.


“La natura si sta trasformando in un'arma, i fiumi e le montagne sono mortali: a causa del rafforzamento dei controlli europei alle frontiere, le persone migranti sono obbligate a utilizzare altri percorsi se vogliono continuare il loro viaggio”.

Simon, BVMN

Due giornalisti del BVMN sono seduti a un tavolino di un kafana (bar) alla stazione principale degli autobus con Jahoul, un ragazzo di 23 anni proveniente dal Marocco. Indossa un berretto, una grande giacca nera e sorseggia una tazza di caffè fumante. Maria, una delle giornaliste, gli chiede quello che è successo quando ha cercato di raggiungere l'Italia. Quando ha attraversato il confine croato con i suoi amici era una notte di metà aprile, dice Jahoul. Per non farsi localizzare dalla polizia, si sono mossi silenziosamente nella foresta per evitare il contatto con la gente del posto.

Hanno camminato per dieci giorni prima di "arrivare al confine sloveno dove c'era un fiume da guadare". Jahoul sta parlando del fiume Kolpa, pericoloso in primavera a causa dello scioglimento della neve delle montagne circostanti. "Abbiamo cominciato a camminare, e a metà strada uno dei miei amici è stato trasportato dalla corrente. Lo abbiamo visto allontanarsi". I giornalisti chiedono se lo hanno rivisto, Jahoul scuote semplicemente la testa. "Siamo riusciti ad attraversare il fiume, ma eravamo troppo esausti per continuare. Abbiamo visto arrivare la polizia ma non riuscivamo a muoverci, pensavamo ancora a lui. Siamo stati catturati e poi respinti dalla polizia slovena".

"La natura si sta trasformando in un'arma, i fiumi e le montagne sono mortali: a causa del rafforzamento dei controlli europei alle frontiere, le persone migranti sono obbligate a utilizzare altri percorsi se vogliono continuare il loro viaggio", dice Simon.

La violenza della polizia è onnipresente nella regione, e i segni sono visibili nelle facce e nei corpi delle persone migranti, ma questa è solo una delle forme di violenza usate alle frontiere dell'Ue per impedire di entrare. L'altra forma di violenza, nonché la conseguenza di questi respingimenti, è la situazione incerta e precaria in cui si trovano bloccati centinaia di migranti una volta arrivati in Bosnia. 

In uno degli edifici abbandonati e usati come rifugio, Amin sfoga la sua frustrazione e tenta di descrivere la situazione a Sarajevo: "Non ho un lavoro, non ho una casa, cosa posso fare? Rubo, ovviamente! Certo che faccio uso di droghe!".

Alcuni migranti si trovano ancora nel paese, ma sono arrivati qui più di un anno fa con l'intenzione di attraversare il confine. "In questo ambiente alcune persone tendono a cadere nella tossicodipendenza. Fanno uso di MDMA o di Lyrica, un ansiolitico che  ha effetti collaterali come vertigini e sonnolenza, può provocare pensieri suicidi e, se preso in dosi elevate, dipendenza", dice Andrea, un volontario di Basis BIH.

Alcuni volontari hanno segnalato casi di overdose di Lyrica tra i migranti. È quello che è successo nel febbraio 2019 a Karim, un giovane algerino che è stato portato in stato di coma all'ospedale locale. Riceveva regolarmente visite dai suoi amici della comunità di migranti a Sarajevo e dai volontari, persino suo zio che viveva in Italia è venuto a trovarlo. Karim è morto agli inizi di aprile. I volontari hanno contattato lo zio per procedere al rimpatrio del corpo. Negli ultimi anni si è verificato uno stillicidio di morti per overdose. Queste persone lasciano famiglie a sopportare il dolore della loro perdita dall'estero, e gli amici che si trovano sul posto con un carico emotivo ulteriore in un'atmosfera già di per sé insostenibile.

La situazione è stata recentemente aggravata dal Governo bosniaco. Subito prima della pandemia, la Bosnia ha emanato una serie di regolamenti che impediscono alle Ong internazionali di lavorare per assistere le persone migranti, che si tratti di cibo o vestiti e riparo. Alla fine di maggio 2019, la repressione nei confronti delle Ong si è trasformata in una retata al centro sociale di Sarajevo ovest: si trattava di un luogo in cui le persone trovavano cibo, vestiti, tè caldo e medicinali forniti da varie organizzazioni. "Più di venti agenti di polizia sono entrati e hanno sfrattato l'intero locale".

"Hanno portato i volontari alla stazione di polizia per interrogarli e cinque di loro sono stati banditi dal paese", dice Giacomo, un volontario di Aid Brigade che si trovava lì e ha visto cosa è successo. Più tardi, nella stessa settimana, la polizia ha fatto irruzione in una casa che ospitava volontari nel quartiere di Bjela, nella parte est di Sarajevo. Dopo l'arrivo della polizia nell'appartamento, a diverse persone di varie organizzazioni è stato vietato l'ingresso nel paese per 1 o 2 anni. Ad oggi rimangono poche organizzazioni che provvedono ai bisogni fondamentali delle persone migranti.

In associazione con Evens Foundation


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento