Cover

Una settimana dopo che un gruppo di jihadisti ha ucciso dieci membri della redazione, fra i quali cinque disegnatori, e altre sette persone, il settimanale satirico Charlie Hebdo è di nuovo in edicola. La copertina rappresenta Maometto che tiene un cartello di solidarietà “Io sono Charlie”. I superstiti della strage del 7 gennaio sono ospitati dal quotidiano Libération e usano materiale prestato dal gruppo Le Monde. Sono stampate cinque milioni di copie, contro le solite 60mila. Il giornale è anche stato tradotto in cinque lingue.

Nel suo editoriale, il giornale ringrazia i milioni di persone che si sono dichiarate “Charlie” nei giorni scorsi, aggiungendo che rifiuta l’insinuazione secondo la quale, provocando i musulmani, si è messo nei guai. E aggiunge che

in una settimana questo giornale ateo ha fatto più miracoli di tutti i santi e i profeti messi insieme. Quello del quale siamo più orgogliosi è che state tenendo in mano il giornale che abbiamo sempre fatto, insieme a quelli che lo hanno sempre fatto.

Nel frattempo, Al Qaeda nello Yemen ha rivendicato l’attacco del 7 gennaio.