Attualità Iniziativa dei cittadini europei

Il diritto di iniziativa dei cittadini europei, questo sconosciuto

A dieci anni dalla sua nascita l’Iniziativa dei cittadini europei resta uno dei maggiori strumenti di democrazia partecipativa dell’Unione e, allo stesso tempo, uno strumento sconosciuto ai più, rivela un sondaggio realizzato da Eumans.

Pubblicato il 9 Maggio 2021 alle 08:00

Il diritto di iniziativa dei cittadini europei, o Iniziativa dei cittadini europei (Ice) è uno strumento di democrazia partecipativa destinata ai cittadini europei che permette di influire sulla legislazione europea interpellando direttamente la Commissione. 

Introdotta dal Trattato sull'Unione europea nel 2011, richiede 

  • almeno 1 milione di firme di cittadini europei su un numero significativo di stati membri; 
  • deve toccare un dominio di rilevanza delle competenze della Commissione Ue; 
  • e trattare un argomento per il quale i firmatari ritengono che un atto giuridico dell’Ue è necessario. 

Dieci anni sono l’occasione per un primo bilancio, e l’Ice non ne esce troppo bene. 

Su un totale di 98 iniziative presentate, 76 hanno riempito i criteri: di queste solo 5 sono riuscite ad arrivare alla fine del processo (condizioni legislative e milione di firme raccolte): “Right2water”nel 2012, “Stop vivisection”, “One of Us”, “Stop TTIP” e “Stop glyphosate”. Di queste nessuna si è trasformata in legge. 

Qual è l’obbligo della Commissione? Rendere conto della sua decisione con una risposta, ma non deve  integrare il risultato dell’Ice  in un processo legislativo. 

La procedura non è la sola questione che ne complica l’azione: i cittadini europei quanto sono a conoscenza di questo strumento? 

Un sondaggio, commissionato  dai promotori dell'iniziativa EU SIGN DAY (Eumans, UBI for All, Voters Without Borders, Freedom to Share, New Europeans, Democracy International) e realizzato dalla piattaforma YouGov tra il 28 aprile e il 4 maggio 2021, ha interrogato 5.094 cittadini europei residenti in Germania (2.057), Italia (1.034), Finlandia (1.002) e Portogallo (1.001) di età superiore ai 18 anni: il tema? La conoscenza e la consapevolezza tra i cittadini europei riguardo l’Ice. 

Agli intervistati è stato chiesto se avevano sentito parlare dell’Iniziativa dei cittadini europei e di scegliere un’opzione che ne spiegasse il funzionamento tra 4 proposte. 

  • Una petizione che almeno 300mila cittadini europei devono firmare entro un anno per ottenere un'udienza ufficiale al Parlamento europeo.
  • Una proposta di una nuova legge europea che ha bisogno di un milione di firme valide per essere ascoltata dalla commissione, che è obbligata a reagire.
  • Un'organizzazione gestita da cittadini europei (senza politici) che ha il diritto di partecipare ai comitati di esperti della Commissione europea;
  • Un'organizzazione gestita da cittadini dell'Ue (senza politici) che ha il diritto di ottenere supporto finanziario e consultivo dai comitati di esperti della Commissione europea per la politica comunale/locale.
  • Non so / nessuno dei menzionati

Nel complesso i risultati sono all’altezza del successo dell’Ice: purtroppo l'iniziativa dei cittadini europei è ancora una sconosciuta per la maggior parte degli europei (relativamente al campione intervistato). Sul totale delle risposte solo 8,5 per cento delle persone intervistate conosce l’esistenza dell’Ice: di queste solo il 10,8 per cento ha risposto correttamente alla seconda domanda. Incrociando i due dati – risposta “sì alla prima domanda e risposta corretta alla seconda – il dato ottenuto è un 2,4 per cento complessivo. 

Il maggior numero di risposte positive è stato registrato in Portogallo e in Italia: il 13,9% degli intervistati portoghesi ha detto di conoscere l'Ice e il 12,4% di sapere che cosa è, quindi un totale del 4,1% conosce l'Ice e sa di cosa si tratta.

Segue l'Italia, dove il 10,8% degli intervistati sa cos'è l'Ice e il 14,2% ha cliccato sulla risposta corretta alla domanda 2, portando a un punteggio complessivo del 3,4%.

Solo il 4,5 degli intervistati finlandesi ha detto di conoscere l'Ice e il 10% di cosa si tratta, portando il punteggio complessivo all'1,5%. Infine, solo il 6,7% degli intervistati in Germania sa dell'esistenza dell'Ice, e solo l'8,6% di loro sa di cosa si tratta, portando a un punteggio complessivo dell'1,4%.

Perché, altro problema, l’Ice non fa notizia: “Tra il 2011 e il 2017 le Ice lanciate hanno ottenuto solamente 516 menzioni in 14 paesi e in 84 fonti, circa un po’ meno di un articolo per anno e per media”, dice uno studio dedicato all’Ice del think tank  Bertelmann Stiftung nell’aprile del 2018. 

Iscriviti alla newsletter di Voxeurop in italiano


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento