Analisi Il 2022 seconco Cas Mudde

Il 2022 segnerà la fine delle democrazie illiberali in Europa?

Il 2022 si annuncia, per molti aspetti, molti simile al 2021, almeno per quanto riguarda la pandemia. Invece, dal punto di vista politico si annunciano grandi cambiamenti per le democrazie illiberali in Europa: la Polonia “rischia” di rimanerel'unico paese dell'Ue governato da populisti di destra. L’analisi di Cas Mudde.

Pubblicato il 29 Dicembre 2021 alle 09:03

Il 2021 è cominciato con la speranza di un vaccino che mettesse fine alla pandemia, ma si è concluso con una nuova variante del virus e l’ansia crescente che il covid-19 resterà con noi per sempre. Sia sui mezzi d'informazione sia in politica a dominare l’anno sono stati, ancora una volta, la pandemia e il virus. E molto probabilmente sarà così anche l’anno prossimo. Ripercorrendo il 2021 si possono individuare almeno quattro elementi e tendenze che continueranno a influenzare la politica europea per tutto il 2022.

1. La mancanza di un chiaro trend elettorale

Negli ultimi anni sono stati pubblicati moltissimi articoli sulla “fine del populismo” e sul “ritorno della sinistra”. La maggior parte di queste riflessioni si basava su una selezione accurata delle  “prove” della propria tesi, sottolineando alcuni risultati e ignorandone altri. Se ci concentriamo sulle quattro più importanti elezioni legislative che si sono svolte nell'Unione europea – Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Paesi Bassi – notiamo risultati molto diversi. La sinistra ha vinto davvero solo in Germania, mentre rimane stabile nei Paesi Bassi, perde di molto in Bulgaria (su tre tornate elettorali) ed è completamente spazzata via nella Repubblica Ceca.

Allo stesso modo, la “destra moderata” (qualunque cosa questa espressione possa ancora significare nel Ventunesimo secolo) è stata la grande sconfitta in Germania, ma la vera vincente in Bulgaria e in Repubblica Ceca. Analogamente, rispetto al picco del 2017 (raggiunto sulla scia della cosiddetta “crisi dei rifugiati”), il populismo di destra perde un po’ di consensi in tre stati, ma guadagna terreno nei Paesi Bassi. Detto questo, tranne i Paesi Bassi, gli altri tre stati citati hanno governi di coalizione inediti e Primi ministri che al Parlamento di Strasburgo appartengono a gruppi politici diversi.


Complotti e disinformazione in Europa: i nostri articoli

  1. Nel cuore dell’Europa c’è una rete di disinformazione influente e segreta al servizio dell’India
  2. L’intreccio tra complotti e populismo in salsa italiana
  3. QAnon sbarca in Europa, tra negazionisti, fanatici religiosi e no-vax
  4. No-vax, antimascherine, negazionisti del Covid: la galassia complottista europea in piazza
  5. Categorie

LIVE: raccontare la crisi dei rifugiati, sul campo

Il giornalista bielorusso Anton Trafimovitch e il greco Stavros Malichudis hanno raccontato per Voxeurop la situazione dei rifugiati in Europa e alle sue frontiere, in Grecia e Bielorussia. Una discussione sul lavoro del giornalista sul campo, in un momento in cui l’Europa fortezza si chiude ulteriormente.

Vedi l'evento >

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento