Reportage fotografico Violenze in Bosnia Erzegovina
Banja Luka, 5 ottobre 2018. In piazza Krajina, una foto di David Dragičević, giovane studente di informatica di 21 anni, morto in circostanze misteriose.

Nella Repubblica Srpska la morte di un giovane apre a un movimento di protesta contro il governo

Banja Luka, Repubblica serba di Bosnia Erzegovina. David Dragičević, uno studente di 21 anni, è stato trovato morto nel marzo 2018 in circostanze sospette. È nato così il movimento di protesta Pravda Za David, "Giustizia per David" che, nel chiedere risposte di fronte al silenzio della polizia e delle autorità, si oppone al governo nazionalista di Milorad Dodik.

Pubblicato il 22 Dicembre 2021 alle 16:00
Banja Luka, 5 ottobre 2018. In piazza Krajina, una foto di David Dragičević, giovane studente di informatica di 21 anni, morto in circostanze misteriose.

Dal 28 marzo 2018, giorno della morte misteriosa di uno studente di informatica di 21 anni, David Dragičević, il movimento Pravda Za David ("Giustizia per David") agita la città di Banja Luka, capitale della Repubblica serba di Bosnia Erzegovina.

All'epoca, questo movimento divenne un simbolo della lotta contro il potere della polizia, protetta da un sistema autoritario e corrotto incarnato dall'allora Presidente della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina (Republika Srpska), Milorad Dodik.


“Arcipelago Jugoslavia”, trent'anni dalla fine della guerra:
  1. Kosovo, il fallimento della “vita migliore”
  2. Serbia, una vita sulla scena del delitto: “Ho visto il peggio della razza umana”
  3. In Slovenia sognavamo la democrazia e ci siamo svegliati con il capitalismo
  4. Bosnia Erzegovina, l’ora dell’apocalisse
  5. Scrivo di guerra non perché voglio, ma perché non ho scelta (Croazia)

Lo stesso uomo che, da allora, ha assunto la presidenza collegiale tripartita della Bosnia Erzegovina e che si è fatto strada imponendo la completa demilitarizzazione del paese, senza la quale i serbi si ritirerebbero dall'esercito nazionale. Ventisei anni dopo la ratifica degli accordi di pace di Dayton, il recente annuncio ha risvegliato lo spettro della secessione serba e di una nuova guerra.  

Il padre di David, Davor Dragičević, fu sin da subito bersaglio di numerose critiche che lo accusavano di essere manipolato da "agenti stranieri" per screditare la Republika Srpska; l’uomo è stato anche perseguito per "tentativo di colpo di Stato".

Dopo aver ricevuto minacce di morte, Dragičević è stato costretto a trovare rifugio inAustria. Oggi, Davor Dragičević è tornato nel suo paese per chiedere giustizia per suo figlio e per Dzenan Memić, un altro giovane bosniaco ucciso nel 2016 in circostanze mai chiarite.

Grazie alla pressione popolare, la morte di David Dragičević è oggi considerato come un omicidio. Questo, però, non è sufficiente per il padre della vittima che accusa il governo di insabbiare tutto e di proteggere i responsabili ai piani alti, di cui sostiene conoscere l'identità. Oggi, i movimenti che chiedono giustizia per David, Dzenan e altri e che sono diventati le organizzazioni più influenti della società civile, hanno intenzione di scendere in piazza in cerca di risposte.

Tutte le foto sono state fatte a Banja Luka, in Bosnia ed Erzegovina.

Sotto la direzione di Constance Decorde.

Clicca su una foto per aprire la gallery:


Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento