La troika sconfessa il bilancio per il 2014

Pubblicato il 9 Dicembre 2013 alle 11:57

Cover

“Il bilancio è stato votato ma la troika dice che per l’accordo bisogna aspettare”, riassume Kathimerini nella sua versione in inglese. Il 7 dicembre il parlamento greco ha approvato il budget 2014 con 153 voti favorevoli e 142 contrari. Il testo “prevede un avanzo primario dell’1,6 per cento del pil, una crescita dello 0,6 per cento e un debito al di sotto del 175 per cento del pil”. Secondo il quotidiano il budget “è stato presentato al parlamento senza l’avallo della troika”. Durante il dibattito i rappresentanti dei creditori della Grecia (Ue-Fmi-Bce) hanno annunciato che non torneranno prima di gennaio perché Atene non rispetta gli impegni presi, spiega Kathimerini. La Grecia “avrebbe dovuto rispettare 135 condizioni” entro l’autunno, “ma siamo appena a 60 e il processo rallenta a causa dell’impasse politica”.

“L’intenzione apparente del governo greco di legiferare unilateralmente o prendere decisioni su questioni in discussione con la troika come i sequestri immobiliari, la riduzione dell’iva per i ristoranti o i licenziamenti massicci dei dipendenti pubblici è considerata come una provocazione”, spiega un funzionario europeo citato dal quotidiano.

“Per l’Ue la Grecia è ancora un buco nel budget”, constata la Frankfurter Allegemeine Zeitung. Il quotidiano tedesco è molto scettico rispetto al nuovo bilancio greco:

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

il governo di coalizione ha vinto di misura lo scontro, ma non c’è motivo per condividere le parole del primo ministro Antonis Samaras, che ha parlato di “giornata storica” per la Grecia. Certo, Atene ha presentato per la prima volta da anni un avanzo primario, dunque un’eccedenza di bilancio che non tiene conto del peso (enorme) del debito pubblico. […] Tuttavia questo è il risultato di un artificio contabile, possibile grazie al rinvio del pagamento di fatture miliardarie ai fornitori. E intanto importanti riforme strutturali sono accantonate.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento